FIVL - Associazione Nazionale Italiana Volo Libero

fivl 2016 9b
HomeNon categorizzato

Non categorizzato

Rinnovata convenzione con Funivie Alpe Cermis

funivia cermisSono lieto di informare tutti i piloti che ieri mattina ho avuto un incontro con il direttore

Leggi tutto...

Quando l'Arte incontra il volo libero

quadro 2 dabbeneUn nostro pilota, già noto alle cronache per essere probabilmente

Leggi tutto...

I gemelli Bricoli

gemelli bricoliUna mia cara amica scrittrice e giornalista ha pubblicato

Leggi tutto...

30 anni con la FIVL!

tex fivl 30 anni mereuHa cominciato a volare non si sa quando!

Leggi tutto...

Sisma e solidarietà - NOTAM a Castelluccio di Norcia ancora ATTIVO – Comunicazione della scuola Prodelta

terremoto foto prodelta

Riceviamo da Claudio Papa della scuola Prodelta di Castelluccio di Norcia

Leggi tutto...

Occhio al trattore!

trattoreDella serie “tutto quello che a scuola non vi hanno detto” …

Leggi tutto...

Maluccio l’Airlander 10

airlander crash 2016

Il consueto titolone quando si tratta di incidenti questa volta è toccato

Leggi tutto...

Tabelle Ippi card

Leggi tutto...

Cookie policy

Cookie Policy

La presente ‘Cookie Policy’ (la nostra politica relativa all’uso di cookie) viene applicata a tutti i siti internet,

Leggi tutto...

Assicurazioni

Qui di seguito i dati per il pagamento per le iscrizioni e assicurazioni:

Leggi tutto...

errore404

Pagina Errore 404

Main

image

Pubblicate le tariffe assicurative per l'anno 2011

Per le nuove tariffe consultate la tabelle. Da qui potete scaricare anche i moduli adeguati. Vai...
image

Visite Mediche Volo Libero

Visita base di rinnovo: con il nuovo DPR N. 133 del 09/07/2010 sono cambiate totalmente le modalità di visita. Leggi...
image

Sono attive le nuove cartine e rilevazioni meteo

Per chi si vuole essere informato sulle condizioni meteo in continuo aggiornamento. Vai...

Licenza FAI 2010, Competizioni e Assicurazione Infortuni

Nelle ultime settimane da parte di molti, piloti di vario livello, ma anche organizzatori , mi sono giunte richieste di chiarimento e informazione sulla situazione attuale, alla luce delle novità (si fa per dire) conseguenti alla nuova politica di rilascio della licenza F.A.I. 2010 da parte di Ae.C.I.

Ho redatto un  documento di F.A.Q. (Domande Frequenti) sperando di avere toccato tutti i punti critici e di maggiore interesse.

Il documento lo trovate QUI

Luciano Gallo

(FIVL - consigliere con delega per le gare parapendio)

 

Modello Eas FAQ

Modello EAS

 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli

ENTI ASSOCIATIVI

All'attenzione di tutti i nostri club federati.

Purtroppo , ancora una volta, il mondo delle associazioni deve fare i conti con la macchina fiscale Italiana. Al di la di ogni polemica ,  Vi preghiamo di fare molta attenzione alla scadenza dell'adempimento modello "EAS".

Abbiamo preparato un piccolo vademecum tralasciando il più possibile ogni riferimento a normative, leggi e circolari per mettere a disposizione di tutti i nostri affiliati un documento semplice e lineare.

Anticipiamo comunque che, nonostante tutte le pressioni effettuate verso il Ministero competente da parte delle Federazioni , da parte degli ordini professionali, il modello EAS in forma estesa o in forma parziale dovrà essere compilato da (probabilmente) tutte le nostre associazioni sportive dilettantistiche poiché basta il tesseramento annuale per far scattare l'obbligo.

Invitiamo comunque tutti a confrontarsi e chiedere consiglio al proprio consulente di fiducia.

FAQ

 

1)      Di che si tratta?

E' un nuovo adempimento che il Ministero delle Finanze impone alla platea delle associazioni (sportive e non) .
In attuazione a disposti legislativi (Art. 30 D.L. 29.11.2008) è stato instituito l'obbligo di compilare un modello (EAS) da inviare all'Agenzia delle Entrate per via telematica

2)      Quando deve essere presentato?

Per le associazioni esistenti alla data del 16/10/2009 deve essere presentato entro il 15 Dicembre 2009 ed eventualmente ripresentato ogni volta che variano i dati inviati.
Per le associazioni di nuova costituzione (successive al 16/10/2009) entro 60 gg dalla data di costituzione.

3)      Da chi deve essere presentato?

Tutte le associazioni, consorzi, enti non commerciali di tipo associativo.(art. 148 T.U.)
Pertanto, di fatto, salvo poche eccezioni, tutte le associazioni sono tenute a compilare e presentare il modello EAS.

4)      Chi è esonerato dalla compilazione e presentazione del modello?

  Sono esonerate da tale obbligo:

-          Associazioni di volontariato iscritte ai registri del volontariato legge 266/91

-          Associazioni Pro-loco

-          Associazioni ONLUS ( che hanno ottenuto la qualifica di ONLUS (DM 266/03)

-          Associazioni non governative (ONG) riconosciute L. 49/87

-          Associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro nazionale del CONI e non svolgenti attività commerciale.

5)      Chi sono le associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro nazionale del CONI e non svolgono attività commerciale e quindi esonerate dalla compilazione e presentazione?

Solo quelle che non svolgono nessuna attività commerciale (cessione di beni, servizi, pubblicità, sponsorizzazione) e che non chiedono e non raccolgono nessuna quota associativa. Basta quindi che l'associazione si limiti a incassare quote e/o contributi associativi e scatta l'obbligo!

6)      L'obbligo e la compilazione del modello (se dovuto) è uguale per tutti?

No, il modello può essere compilato parzialmente (light), da parte di:

-          Associazioni e società sportive dilettantistiche iscritte al registro del CONI

7)      Come ci si iscrive al registro nazionale delle associazioni sportive del CONI?

La Federazione Italiana Volo Libero ha effettuato, per sé stessa, l'iscrizione al CONI, verificando i vari passaggi così come mostrato dalle istruzioni on-line del CONI stesso.
La modulistica è chiara e completa.
Tutte le info, sia quelle preliminari per iniziare l'iscrizione, sia la conferma dell'avvenuta iscrizione - che arriva dal CONI Provinciale, sono fornite in tempi brevi: 5 minuti la prima, mezza giornata la seconda. In ogni caso è bene stampare e conservare il certificato del CONI che si ottiene entrato con le proprie credenziali nel sito www.CONI.it

8)      Cosa significa compilare in modo parziale ( light) il modello?

Significa, per le associazioni sportive dilettantistiche, compilare, oltre ai dati anagrafici, solo i righi 4,5,6,20,25,26, 35, 36, 37 del modello

9)      Come si presenta il modello EAS

Il modello si presenta in modo telematico in proprio o per il tramite del proprio consulente fiscale.

10)  Cosa succede se non si presenta il modello EAS?

Se non si presenta il modello EAS non verranno riconosciute le esenzioni/facilitazioni fiscali previste per Legge. Per assurdo l'Agenzia delle Entrate potrebbe considerare imponibile anche il solo tesseramento annuale e quindi richiedere le imposte (piene) su tali corrispettivi.

11)  Che benefici ho a presentare il modello EAS?

Chi presenta il modello EAS usufruisce in pieno del dettato dell'art. 148 del T.U. ed in particolare per le associazioni sportive dilettantistiche " non si considerano commerciali " (non si paga nessuna imposta) :

-          La quota o il contributo associativo annuale (es. tesseramento )

-          Le attività svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali

Con esclusione di

-          Cessioni di beni nuovi prodotti per la vendita (non i gadget)

-          Somministrazione di pasti

-          Erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore

-          Prestazioni alberghiere, alloggio, trasporto e di deposito, prestazioni di servizi portuali e aeroportuali ed inoltre:

a)   Gestione di spacci aziendali e mense

b)   Organizzazione viaggi e soggiorni turistici

c)   Gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale

d)   Pubblicità commerciale

e)   Telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari

12)  Dove trovo il modello EAS?

Il modello EAS lo puoi scaricare dal sito dell'Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.it

13)  Chi può aiutarmi nella compilazione?

La segreteria FIVL è a disposizione per tutti i club federati

Fai - Rinnovo

COME CHIEDERE IL RILASCIO / RINNOVO DELLA TESSERA F.A.I.

failogo.gifIl Rinnovo/Rilascio della tessera F.A.I. può essere richiesto alla Federazione Italiana Volo Libero che a sua volta inoltra la richiesta all'Aeroclub d'Italia.

La richiesta è gratuita per i soci FIVL, ma è necessario effettuare un versamento di 25,82 euro all'AEROCLUB d'Italia.
E' però importante sapere che l'AECI per rilasciare/rinnovare la tessera FAI ESIGE che il pilota abbia l'attestato convalidato regolarmente presso l'AeroClub d'Italia.
Quindi se non sei in questa condizione è necessario prima o contemporaneamente provvedere alla convalida dell'attestato presso AECI, seguendo le modalità descritte.
Se avete smarrito la tessera F.A.I. è necessario richiedere il DUPLICATO per il quale si procede come per il primo rilascio (inviare una foto) ma in più è necessario compilare il certificato sostitutivo di atto notorio (disponibile su questo sito) con cui si autocertifica lo smarrimento.



PER IL RINNOVO/RILASCIO DELLA TESSERA FAI OCCORRE INVIARE IN AECI I SEGUENTI DOCUMENTI:
  1. Una foto formato tessera per il rilascio o la tessera FAI in originale per il rinnovo
  2. Versamento di € 25,82  in originale sul c.c.p. n.34458000, intestato all'Aero Club d'Italia - Via Cesare Beccaria, 35 - 00196 ROMA ;
  3. La dichiarazione per l'antidoping compilata e firmata;
  4. La dichiarazione per il trattamento dei dati personali compilata e firmata;
  5. SOLO SE si richiede il DUPLICATO compilare e firmare l’autocertificazione di smarrimento.
  6. La domanda di rinnovo/rilascio;
  7. Una fotocopia dell’attestato in corso di validità (rinnovo in corso di validità non meno di 90 gg.)
  8. Se si sta provvedendo al rinnovo dell’attestato contemporaneamente alla richiesta di tessera FAI, compilare il modulo di autocertificazione.

Per maggiori informazioni telefonare in Segreteria FIVL: 011-744991
I documenti per la richiesta di rilascio/rinnovo della tessera FAI deve essere inviato alla FIVL all’indirizzo:  Via Salbertrand 50 -10146 TORINO

ATTENZIONE (LEGGERE ATTENTAMENTE)
L' AeCI rilascia la tessera nell'anno di competenza.
Pertanto, se richiesta nel 2009 (anche in dicembre) la tessera rilasciata sarà quella del 2009! Non è possibile, generalmente, richiedere la tessera per l'anno successivo (es. dicembre del 2009 per l'anno 2010).
L'eccezione viene fatta eccezionalmente per i piloti che avessero necessità della tessera FAI per partecipare ad un evento nei primi 20 giorni dell'anno (cioè entro il 20 gennaio).
Essa deve essere motivata con l'indicazione dell'evento FAI cui il pilota è iscritto.
Si sconsiglia pertanto vivamente di effettuare il pagamento in novembre o dicembre se non si dovrà partecipare ad un evento FAI in gennaio.
In tal caso, infatti, l'AeCI rimborserà la somma e richiederà un nuovo pagamento in gennaio.
Per chi intende fare la tessera Fai con validità nel nuovo anno la procedura è quella di versare l'importo di 25,82 € in gennaio e non nel dicembre dell'anno precedente.
Diversamente, la tessera verrà rilasciata con ritardo, dati i numerosi adempimenti burocratici, ed è possibile che il pilota debba versare nuovamente l'importo per poi essere rimborsato del primo versamento.
L'atto sostitutivo di notorietà si rende ora necessario perché l'AeCI non effettua controlli sugli attestati dei richiedenti e delega tale controllo alla FIVL. La FIVL, non potendo controllare gli attestati (il cui rilascio/rinnovo compete esclusivamente ad AeCI) richiede a sua volta la dichiarazione sostitutiva di notorietà che rimarrà presso la FIVL.
Il Presidente della FIVL, prenderà atto della dichiarazione e sottoscriverà la richiesta di rilascio della tessera FAI.
La tessera FAI può anche essere rilasciata a soggetti privi di attestato in corso di validità per particolari motivi (es. un soggetto che vuol fare l'accompagnatore ad un mondiale e non è pilota, un passeggero biposto per un volo record FAI, un membro di uno staff organizzativo di un evento FAI che vuole comunque essere tesserato).
In tal caso bisogna indicare il motivo specifico nell'atto sostitutivo di notorietà per il rilascio della tessera FAI.

Vademecum rinnovo attestati 2009

Il nuovo attestato di volo libero contiene tutte le informazioni relative alle abilitazioni ed alle qualifiche.
Ogni volta che esso viene rinnovato od aggiornato, l’AeCI provvederà ad emettere un nuovo attestato aggiornato, sostitutivo del precedente.
Quello vecchio viene distrutto e diviene inutile.
Nel nuovo attestato viene indicata la data di scadenza della visita medica.
Per i possessori di attestato in data anteriore al 30.06.1997, viene datata la possibilità di trascrivere sull’attestato l’abilitazione “deltaplano” o “parapendio”, ovvero entrambe.
Essendo da qualche anno obbligatorio che l’attestato riporti l’abilitazioni e non genericamente “volo libero per apparecchi privi di motore”, si consiglia a tutti di procedere unitamente al rinnovo, come più avanti descritto.
Al fine di guidare i piloti nelle procedure, abbiamo provveduto a individuare le ipotesi e preparare, per ognuna, una modulistica ad hoc..

Come regolarizzare le proprie posizioni ed effettuare i rinnovi 


CASO N.1 - PILOTA CON ATTESTATO SEMPRE RINNOVATO NEGLI ANNI, INDIPENDENTEMENTE DALLA DATA DI CONSEGUIMENTO DELL’ATTESTATO STESSO
(mod. 1/A)

E’ il caso ordinario e più semplice: il pilota, rinnovata la visita medica, si limiterà ad inviare il proprio attestato e la nuova vista medica in originale ad AeCI, unitamente alla ricevuta di versamento di € 52,00 effettuato a favore di AeCI. 

1) effettuare un versamento di ' 52.00 (tariffa AeCI) sul CCP 34458000 causale “Rinnovo attestato VDS/VL” o a mezzo bonifico IBAN IT 57 C 07601 03200 000034458000.
2) Sostenere la visita medica
3) Spedire (Racc. A.R.) all’ AeCI all’indirizzo Spett.le AeCI - Ufficio tecnico, Via Cesare Beccaria 35, 00196 ROMA:
- La richiesta di rinnovo (MODULO 1/A FIVL)
- Visita medica originale - ricevuta di versamento di € 52,00;
- Fotocopia attestato;
- Fotocopia della pagina del libretto sulla quale sono riportate le abilitazioni;
- (eventuale) attestazione di una scuola V.D.S. certificata di avvenuto rilascio di abilitazioni, qualora non già trascritte.

 


CASO N.2 - ATTESTATO CON VISITA MEDICA SCADUTA DA MENO DI UN ANNO
(si intende, ovviamente, la data della visita indicata nell’attestato)

Si segue questa procedura nelle seguenti due circostanze:
1) Attestato conseguito in una data compresa tra due anni e tre anni e mai “rinnovato” (es. attestato conseguito il 30.06.2005, vista in esso indicata scaduta il 30.05.2007, rinnovo entro il 30.05.2008);
2) Attestato rinnovato in precedenza, ma con data di visita medica scaduta da non oltre un anno (es. attestato che riporta la scadenza della visita medica in data 10.09.2007 con rinnovo entro il 10.09.2008).
In entrambi questi casi si seguirà semplicemente la procedura di rinnovo come nel CASO 1.
In pratica, se passa meno di un anno dalla avvenuta scadenza, non serve fare nulla di più rispetto al normale rinnovo.
Resta inteso, ovviamente, che l’assicurazione non copre comunque se la visita medica è scaduta


CASO N.3 - ATTESTATO CONSEGUITO DOPO IL 30.06.1997, SCADUTO E MAI RINNOVATO
(oppure non rinnovato da oltre 3 anni dalla data di scadenza della visita medica). (Mod 1/B + Mod. 2)

Occorre recarsi presso un istruttore e compiere la cosiddetta “RIPRESA VOLI”.
In pratica, l’istruttore dichiarerà che il pilota è in grado di volare con l’apparecchio con il quale ha conseguito l’abilitazione e con il quale intende effettuare il rinnovo. Il FAC SIMILE di tale dichiarazione è il MODULO 2 FIVL Ripresa Voli. ATTENZIONE: gli istruttori appartenenti alla SIVA si sono impegnati a rilasciare gratuitamente agli iscritti FIVL la “Ripresa Voli”.
Una volta ottenuta la dichiarazione di ripresa voli, si procederà come nel CASO 1, allegando, oltre ad i documenti ivi indicati, anche la RIPRESA VOLI MODULO 3 FIVL
1) effettuare un versamento di ' 52.00 (tariffa AeCI) sul CCP 34458000 causale “Rinnovo attestato VDS/VL”.
2) Sostenere la visita medica
3) Spedire (Racc. A.R.) all’ AeCI all’indirizzo Spett.le AeCI - Ufficio tecnico, Via Cesare Beccaria 35, 00196 ROMA:
- La richiesta di rinnovo (MODULO 1/B FIVL)
- Visita medica originale
- ricevuta di versamento di € 52,00;
- Fotocopia attestato;
- Fotocopia della pagina del libretto sulla quale sono riportate le abilitazioni;
- (eventuale) attestazione di una scuola V.D.S. certificata di avvenuto rilascio di abilitazioni, qualora non già trascritte
- Ripresa voli (MODULO 2 FIVL) .


CASO N.4 - ATTESTATO CONSEGUITO PRIMA DELL 30.06.1997, SCADUTO E MAI RINNOVATO, OPPURE NON RINNOVATO DA OLTRE 3 ANNI E SUL QUALE NON SONO STATE INDICATE LE ABILITAZIONI.
(Mod. 1/C-A o 1/C-B)

Prima del 30.06.1997 non era prevista la trascrizione di alcuna abilitazione: un soggetto che sosteneva l’esame con delta era considerato abilitato anche con il para e viceversa.
Successivamente, le abilitazioni sono divenute obbligatorie. Chi non avesse indicato l’abilitazione nel proprio libretto od attestato, dovrà, oltre alla procedura di rinnovo indicata nel CASO 1 (rinnovo) e nel CASO 3 (ripresa voli), fare una autocertificazione e cioè dichiarare di esser in grado di condurre delta, para, od entrambi.
Attenzione: se dichiara 1 sola specialità (solo delta o solo para), il pilota non pagherà nulla, oltre i normali 52,00 € per il rinnovo. Se, invece, dichiarerà di essere in grado di condurre entrambi gli apparecchi, dovrà versare € 39,00 (per la trascrizione della seconda abilitazione).
Il modulo per l’autocertificazione è l’ALLEGATO A per la trascrizione della prima abilitazione e l’ALLEGATO B per la trascrizione della seconda abilitazione (da compilare e spedire entrambi in caso di trascrizione di entrambe le specialità).
Se si vola solo con delta o solo con para:
1) effettuare un versamento di ' 52.00 (tariffa AeCI) sul CCP 34458000 causale “Rinnovo attestato VDS/VL”.
2) Sostenere la visita medica
3) Spedire (Racc. A.R.) all’ AeCI all’indirizzo Spett.le AeCI - Ufficio tecnico, Via Cesare Beccaria 35, 00196 ROMA:
- La richiesta di rinnovo (MODULO 1/C-A FIVL)
- Visita medica originale
- ricevuta di versamento di € 52,00;
- Fotocopia attestato;
- Fotocopia della pagina del libretto sulla quale sono riportate le abilitazioni;
- (eventuale) attestazione di una scuola V.D.S. certificata di avvenuto rilascio di abilitazioni, qualora non già trascritte
- Ripresa voli (MODULO 2 FIVL).
- Autocertificazione dell’abilitazione (ALLEGATO A)
- Fotocopia di un documento di identità;

Se si vola o si è capaci di volare con entrambi (delta e para)
1) effettuare un versamento di ' 52.00 (tariffa AeCI) sul CCP 34458000 causale “Rinnovo attestato VDS/VL”.
2) Sostenere la visita medica
3) Spedire (Racc. A.R.) all’ AeCI all’indirizzo Spett.le AeCI - Ufficio tecnico, Via Cesare Beccaria 35, 00196 ROMA:
- La richiesta di rinnovo (MODULO 1/C-B FIVL)
- Visita medica originale
- ricevuta di versamento di € 52,00;
- Fotocopia attestato;
- Fotocopia della pagina del libretto sulla quale sono riportate le abilitazioni;
- (eventuale) attestazione di una scuola V.D.S. certificata di avvenuto rilascio di abilitazioni, qualora non già trascritte;
- Ripresa voli (MODULO 2 FIVL) .
- Autocertificazione dell’abilitazione (ALLEGATO A)
- Autocertificazione della seconda abilitazione (ALLEGATO B)
- Fotocopia di un documento di identità


CASO N.5 - ATTESTATO CONSEGUITO PRIMA DELL 30.06.1997, E REGOLARMENTE RINNOVATO, MA SUL QUALE NON SONO STATE INDICATE LE ABILITAZIONI.
(Mod. 1/C-A o 1/C-B)

Prima del 30.06.1997 non era prevista la trascrizione di alcuna abilitazione: un soggetto che sosteneva l’esame con delta era considerato abilitato anche con il para e viceversa.
Successivamente, le abilitazioni sono divenute obbligatorie.
Chi non avesse indicato l’abilitazione nel proprio libretto od attestato, dovrà, oltre alla procedura di rinnovo indicata nel CASO 1 (rinnovo), fare una autocertificazione e cioè dichiarare di esser in grado di condurre delta, para, od entrambi.
Attenzione: se dichiara 1 sola specialità (solo delta o solo para), il pilota non pagherà nulla, oltre i normali 52,00 € per il rinnovo.
Se, invece, dichiarerà di essere in grado di condurre entrambi gli apparecchi, dovrà versare € 39,00 (per la trascrizione della seconda abilitazione).
Il modulo per l’autocertificazione è l’ALLEGATO A per la trascrizione della prima abilitazione e l’ALLEGATO B per la trascrizione della seconda abilitazione (da compilare e spedire entrambi in caso di trascrizione di entrambe le specialità).
Se si vola solo con delta o solo con para:
1) effettuare un versamento di ' 52.00 (tariffa AeCI) sul CCP 34458000 causale “Rinnovo attestato VDS/VL”.
2) Sostenere la visita medica
3) Spedire (Racc. A.R.) all’ AeCI all’indirizzo Spett.le AeCI - Ufficio tecnico, Via Cesare Beccaria 35, 00196 ROMA:
- La richiesta di rinnovo (MODULO 1 FIVL)
- Visita medica originale
- ricevuta di versamento di € 52,00;
- Fotocopia attestato;
- Fotocopia della pagina del libretto sulla quale sono riportate le abilitazioni;
- (eventuale) attestazione di una scuola V.D.S. certificata di avvenuto rilascio di abilitazioni, qualora non già trascritte
- Autocertificazione dell’abilitazione (ALLEGATO A)
- Fotocopia di un documento di identità

Se si vola o si è capaci di volare con entrambi (delta e para)
1) effettuare un versamento di ' 52.00 (tariffa AeCI) sul CCP 34458000 causale “Rinnovo attestato VDS/VL”.
2) Sostenere la visita medica
3) Spedire (Racc. A.R.) all’ AeCI all’indirizzo Spett.le AeCI - Ufficio tecnico, Via Cesare Beccaria 35, 00196 ROMA:
- La richiesta di rinnovo (MODULO 1 FIVL)
- Visita medica originale
- ricevuta di versamento di € 52,00;
- Fotocopia attestato;
- Fotocopia della pagina del libretto sulla quale sono riportate le abilitazioni;
- (eventuale) attestazione di una scuola V.D.S. certificata di avvenuto rilascio di abilitazioni, qualora non già trascritte
- Autocertificazione dell’abilitazione (ALLEGATO A)
- Autocertificazione della seconda abilitazione (ALLEGATO B)
- Fotocopia di un documento di identità


ULTERIORI CONSIGLI PRATICI

1) Per i piloti che hanno anche conseguito le abilitazioni biposto, risulta utile indicare tale circostanza in occasione del rinnovo e, pertanto, spedire anche la fotocopia del libretto nel caso detta abilitazione sia stata ivi trascritta.
2) Si consiglia di fare una fotocopia di tutti i documenti prima dell’invio degli stessi alla’AeCI e si consiglia l’invio attraverso lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.
3) Si consiglia di non inviare entrambe le ricevute del bollettino postale: è utile che ne conserviate una.
4) Se possibile, fatevi rilasciare la certificazione medica in doppio originale, in modo da conservare, comunque, una copia originale della stessa in caso di sinistro con attivazione della polizza assicurativa.
5) Gli istruttori appartenenti alla SIVA si sono impegnati a effettuare gratuitamente, verso gli associati FIVL, la “Ripresa Voli”.

Diffidate, pertanto, se siete iscritti alla FIVL, di istruttori che chiedono denaro per tale attività.
Ottenere la ripresa voli gratuitamente, tuttavia, non è un diritto!
Se l’istruttore dovesse riscontrare che il pilota abbisogna realmente di un addestramento (es. campetto, gonfiaggi ecc.) e che la ripresa voli non si esaurisce in una formalità, egli è pienamente legittimato a richiedere un contributo per il tempo istruzionale che dedica al pilota che effettua la ripresa voli.

 

__404__

Bad karma: we can't find that page!

You asked for {%sh404SEF_404_URL%}, but despite our computers looking very hard, we could not find it. What happened ?

  • the link you clicked to arrive here has a typo in it
  • or somehow we removed that page, or gave it another name
  • or, quite unlikely for sure, maybe you typed it yourself and there was a little mistake ?

{sh404sefSimilarUrlsCommentStart}It's not the end of everything though : you may be interested in the following pages on our site:{sh404sefSimilarUrlsCommentEnd}

{sh404sefSimilarUrls}

Federarsi all'AeCI

FEDERAZIONE ALL’AE.C.I. - Informazioni utili alla richiesta di federazione

Per richiedere la federazione all’Ae.C.I. è necessario presentare domanda (mod. allegato) allegando:
- atto costitutivo dell’associazione o s.r.l. senza fine di lucro che deve svolgere attività in uno o più dei campi indicati nell’art. 6 p. 1) dello statuto Ae.C.I. disponibile sul sito internet dell’Ente;
- statuto non in contrasto in ogni sua parte con quello tipo degli Aero Club federati, sempre reperibile presso il sito internet dell’Ae.C.I., approvato dall’assemblea dei soci;
- elenco soci con indicato il titolo aeronautico posseduto o la frequenza ad un corso per il conseguimento di detto titolo (art. 7 Statuto Ae.C.I. e art. 2 statuto tipo Ae.C. federati: occorre che almeno la metà più uno dei soci sia in possesso di detto titolo o sia allievo aspirante al conseguimento dello stesso, il numero minimo è di 20 soci);
- relazione sui mezzi a disposizione, con elenco strutture fisse e mobili necessarie per lo svolgimento dell’attività, corredato di copia di validi titoli di disponibilità, sia per quanto riguarda le aviosuperfici e altre strutture fisse, sia per quanto riguarda i mezzi aerei e le altre strutture mobili (v. art. 7 statuto Ae.C.I.): a seguito della domanda o anche dopo la federazione l’Ae.C.I. potrà disporre ispezioni per la verifica di quanto dichiarato.

Si rammenta la necessità, per il Presidente dell’Ente federando, del possesso della licenza FAI (Federazione Aeronautica Internazionale), che potrà essere richiesta anche dopo la federazione (dovrà poi essere convocata l’assemblea dei soci per l’elezione del Presidente, del Consiglio e dei Revisori dei Conti, con le regole del nuovo statuto).
Per potere ottenere la licenza FAI è necessario il possesso di un titolo aeronautico per una delle specialità sportive riconosciute dalla stessa FAI (v. art. 6 statuto AeC.I.). E’ equipollente al possesso di detta licenza l’esserne stati titolari per almeno 2 anni nel passato e/o essere giudice o commissario sportivo per una delle specialità sportive della FAI e dell’Ae.C.I.

Per i primi 3 anni sono stati stabilite quote di federazione di Euro 500,00 per il primo anno, 1000,00 per il secondo e terzo. Dal quarto anno, attualmente vengono calcolate secondo un sistema per scaglioni – 250 euro ogni 10 soci, eccetto per volo a motore e acrobazia, che pagano 600 euro e volo a vela e costruzioni amatoriali, che pagano 500 euro ogni 10 soci, più 1000,00 euro fisse (vedi sempre sul sito Ae.C.I. la circolare sulle quote federative sotto: Documenti – Circolari – Circolare quote federative del 26/1/2006)
Per ogni informazione concernente la federazione e le licenze FAI i contatti sono quelli pubblicati sul sito internet dell’Ente.

 

PER MANTENERE LO STATUS DI AERO CLUB FEDERATO (art. 8 dello Statuto dell’Aero Club d’Italia)

Versare una quota annuale di federazione nella misura proposta dal Consiglio Federale dell’Ae.C.I.

Inviare al Consiglio Federale dell’Ae.C.I., per l’approvazione, entro il mese di aprile di ogni anno, il conto consuntivo dell’anno precedente e, entro il mese di novembre, il bilancio preventivo dell’anno successivo;

Comunicare all’Ae.C.I., entro il mese di marzo di ogni anno l’elenco nominativo dei soci e successivamente, ogni trimestre, l’eventuale aggiornamento;

Osservare le norme emanate dall’Ae.C.I. per il conseguimento degli scopi.

Cosa serve?

Questi sono i passi per la fondazione di un Aeroclub

  1. Selezionare 20 soci fondatori (la metà in possesso attestato)
  2. Effettuare l’assemblea straordinaria per costituzione (redigere atto costitutivo)
  3. Redigere statuto (sostituire pippo con nome aeroclub)
  4. Registrare atto costitutivo e statuto all’agenzia delle entrate
  5. Richiedere codice fiscale all’agenzia delle entrate
  6. Redigere domanda di federazione all’AECI
  7. Ottenuta la federazione AECI , registrare la propria associazione al registro nazionale delle associazioni sportive dilettantistiche del CONI al link: http://www.coni.it/index.php?id=2127

Per usufruire delle agevolazioni fiscalilink al documento: http://www.coni.it/fileadmin/user_upload/_temp_/mondo_sportivo/registro/guida_societesportive_agenziaentrate.pdf 

 

Per la trasformazione un'Associazione in Aeroclub

  1. Selezionare 20 soci fondatori, di cui la metà in possesso attestato (possono essere i soci dell’associazione)
  2. Effettuare l’assemblea straordinaria per trasformazione in aeroclub (redigere atto costitutivo)
  3. Redigere nuovo statuto come da modello allegato (sostituire pippo con nome aeroclub)
  4. Registrare la trasformazione degli atti (atto costitutivo e statuto) all’agenzia delle entrate
  5. Richiedere codice fiscale all’agenzia delle entrate
  6. Redigere domanda di federazione all’AECI (non so quale sia il percorso per la trasformazione, chiedere in AECI)
  7. Ottenuta la federazione AECI , registrare la propria associazione al registro nazionale delle associazioni sportive dilettantistiche del CONI al link: http://www.coni.it/index.php?id=2127

Per usufruire delle agevolazioni fiscali, link al documento: http://www.coni.it/fileadmin/user_upload/_temp_/mondo_sportivo/registro/guida_societesportive_agenziaentrate.pdf

I consiglieri sono stipendiati?

1. I consiglieri sono stipendiati?

No: essi prestano la loro opera in modo assolutamente volontario.
Ad essi spetta il solo rimborso per le spese effettivamente sostenute nell’esercizio delle loro funzioni, come da disposto dell’art. 20 del Regolamento di Gestione Finanziaria e Contabile.
Ad essi, inoltre, è vietato ricevere emolumenti o gestire attività commerciali con la FIVL stessa.
Esiste una precisa tipologia di spese rimborsabili, fissata nel documento sulle Modalità dei rimborsi spesa.

Atleti

INFORTUNI Piloti Atleti Nazionali

Comb.

Morte

Invalidità Permanente

Diaria da Ricovero

Diaria da Gesso

Spese Mediche

Elisoccorso

FIVL Assistance

Premio 2008

Assicurati

X1

110.000

110.000

30

30

1.000

1.000

Compresa

280,00

Atleti Nazionali 

Note: La presente polizza può essere stipulata solo tramite FIVL possibilmente per atleti già in possesso della polizza BASE. Le garanzie non prevedono la garanzia RC.

Note

NOTE PER SCUOLE E CLUB:

  • I premi indicati nelle tabelle sono riferiti a polizze sottoscritte dal 1° gennaio 2008 al 31 Maggio 2008.
  • Per le polizze sottoscritte dal 1°giugno 2008 i premi saranno ridotti.
  • La recente entrata in vigore del nuovo codice delle Assicurazioni, ha fatto nascere delle responsabilità in tema di informativa precontrattuale e di adeguatezza delle polizze in capo a quei soggetti che fungono da intermediari.
    In base a questa norma i soggetti che propongono un contratto, qualora le garanzie offerte si rivelassero inadeguate o insufficienti in caso di sinistro, potrebbero essere chiamati a risponderne per carenza di informazione.
    Per questo motivo nel 2008 per tramite della FIVL, suggeriamo di proporre massimali RC non inferiori a 2.500.000,00 Euro.

Infortunio Piloti

INFORTUNI PILOTI - Premi in Euro

Comb.

Morte

 Invalidità
Permanente

Diaria da
Ricovero

Diaria da
Gesso

Spese
Mediche

Elisoccorso

FIVL
Assistance

Premio
2008

X1

30.000

30.000

===

===

===

1.000

Compresa

135,00

X2

50.000

50.000

===

===

===

1.000

Compresa

230,00

X3

100.000

10.000

===

===

===

1.000

Compresa

400,00

Caso Niviuk - Artik XP

Altri articoli...

Go to top