FIVL - Associazione Nazionale Italiana Volo Libero

fivl 2016 9b
HomeEventiManifestazioniCorso SIV, Malcesine, lago di Garda, (Verona), 18-20 settembre

Termicando, 24 – 26 febbraio, Prealpi Vicentine – Marostica o Caltrano (Vicenza)

termicando febbraio 2017 rubbioL’asd AeC Blue Phoenix Parapendio,

 

 

 

termicando febbraio 2017 rubbio

Ente Federato all’AeCI n° 180, scuola di volo libero n° 319, nella figura dell’Istruttore Damiano Zanocco, organizza "Termicando”, corso teorico/pratico post attestato di volo in termica per piloti di parapendio.

QUANDO
Venerdì sera 24, sabato 25 e domenica 26 febbraio 2017.
Data di recupero in caso di rinvio per condizioni meteorologiche non idonee: venerdì sera 3, sabato 4 e domenica 5 marzo 2017. Ulteriore recupero: venerdì sera 10, sabato 11, domenica 12 marzo 2017.
La conferma, il rinvio o la cancellazione del corso per cause legate alle condizioni meteorologiche saranno comunicate entro le ore 20 del giovedì precedente (23 febbraio 2017 per la prima data).
DOVE
Prealpi Vicentine – Marostica (in collaborazione con la scuola di volo Manta e il gruppo di volo locale) o Caltrano (Vicenza).
Il sito di volo è rinomato per le eccellenti condizioni termiche, con ampie possibilità di veleggiamento durante tutto l’anno, l’ampiezza e la facilità dei decolli e degli atterraggi.
SEDE LOGISTICA
Barrio, Via Stroppari 2/A – 36063 Valle San Floriano, Marostica (Vicenza) - Palestra annessa al Barrio, nella piazzetta di Valle San Floriano (coordinate 45°46’07”N, 011°39’33”E).
FINALITA’
Alcuni piloti neo-brevettati possono trovarsi impreparati o spaesati nell’affrontare in autonomia le prime ascendenze termiche. L’approccio al volo in termica può essere vissuto con un’eccessiva tensione, facendo commettere al pilota degli errori, non sempre banali, che impediscono di vivere bene e con soddisfazione la principale tipologia di volo in parapendio. Questo si traduce spesso in atterraggi precoci (i classici “buchi”) che in breve tempo possono instaurare nel pilota un rapporto negativo con il volo, talvolta con se stessi, e, in casi estremi, possono esporre il pilota stesso a una situazione di forte rischio con ripercussioni sulla sicurezza. Ne consegue un senso di scoraggiamento che può portare all’impotenza delle capacità di volo in termica, fino ad arrivare anche all’abbandono del volo stesso. Un vero peccato, assodato che il “salire in termica” è la parte più “magica e mistica” del volo veleggiato e una volta assimilate alcune nozioni base non è poi così difficile come sembra.
L’obiettivo del corso è la conoscenza teorica sulla nascita, la vita, l’evoluzione e la morte delle ascendenze termiche e l’apprendimento pratico delle tecniche di pilotaggio per risalire in armonia queste meravigliose correnti.
Il corso è indicato per i piloti che hanno da poco raggiunto l’attestato di volo, ma anche per tutti quei piloti che vogliono approfondire le conoscenze teoriche, quanto affinare le tecniche di pilotaggio in termica.
MODALITA’
Il corso è suddiviso in 2 sezioni: Junior e Senior.
Entrambe le sezioni hanno in comune la parte teorica in aula, le esercitazioni al simulatore, le risalite in decollo, la parte teorica prima del volo (con analisi della situazione meteorologica, aerologica e delle specifiche condizioni delle ascendenze termiche) e il debriefing post volo.
Gli argomenti teorici saranno esposti con presentazioni interattive in Power Point e proiezione di video di Cumuli accelerati con la visualizzazione dei fenomeni aerologici e termici.
- I piloti Senior svolgeranno il proprio volo personale in maniera autonoma.
- I piloti Junior saranno guidati via radio nella prima parte del volo in termica dall’istruttore in decollo. In particolare saranno guidati nelle fasi di ricerca, centraggio e risalita della termica, nonché nella traslazione tra una termica e la successiva (che si origini dal medesimo punto di innesco o da uno adiacente).
POSTI DISPONIBILI
Nella sezione Junior i posti disponibili sono al massimo 6. Si aggiungono 24 posti riservati ai Senior per un totale massimo di 30 piloti.
COSTO
Junior 120 €; Senior 60 €.
Nel costo sono compresi le risalite in decollo e gli eventuali recuperi per chi atterra fuori campo.
REQUISITI
- Attestato in corso di validità secondo la normativa vigente.
- Assicurazione RCT in corso di validità.
- Totale e completa autonomia del pilota nelle procedure di decollo con gonfiaggio fronte vento (“all’italiana”) e spalle vento (“alla francese”).
- Totale e completa autonomia del pilota nelle procedure di atterraggio con attacco a 8 e attacco a C.
- Nella sezione Junior il pilota deve avere una vela certificata En A, o al massimo En B (LTF massimo 1/2).
ISTRUTTORE
Damiano Zanocco vola dal 1997. Istruttore di parapendio dal 2003, esaminatore dell’AeCI e istruttore di corsi SIV dal 2005. Nel 2011 vince il Campionato Triveneto di Parapendio. Nel 2012 diventa Campione Italiano categoria sport. Nel 2013 vince il titolo mondiale dell’Xcontest (4° assoluto) nella categoria Chocolate Club 200: il pilota che nell’anno ha effettuato il maggior numero di voli oltre i 200 km da differenti località. Volo più lungo 285 km in andata e ritorno e 249 km in triangolo FAI. 625 km in 3 giorni consecutivi (per 27 ore totali di volo) sulle impegnative Alpi Svizzere il 13/15 luglio 2013. Attualmente detiene il record di volo di andata e ritorno sulle Prealpi Venete (204 km), con decollo dal M. Grappa.
Damiano è autore di alcuni libri e video sulle nuvole e tiene regolarmente corsi base e avanzati di parapendio e di meteorologia applicata al volo libero.
PROGRAMMA
Giovedì 23 febbraio 2017
Entro le ore 20.00 comunicazione, in base alle condizioni meteorologiche previste, della conferma o del rinvio del corso.
Venerdì 24 febbraio 2017
- 19.00 – Accoglienza presso il Barrio (Valle San Floriano – Marostica, VI). Verifica della documentazione di volo: attestato, assicurazione, perfezionamento iscrizione.
- 19.30 – Cena conviviale presso il Barrio o locale limitrofo.
- 20.45 – Teoria in aula. La termica: insolazione, serbatoio termico, punto di innesco, sviluppo verticale, massa critica, velocità ascensionale; testa, corpo centrale, coda della termica; analisi del nocciolo, della corona, dei vortici laterali, del ponte di testa.
- 22.00 – Breve analisi delle previsioni meteorologiche e termiche del giorno successivo, eventuali prove al simulatore.

Sabato 25 febbraio 2017

- 08.15 – Ritrovo presso il Barrio.
- 08.30 – Teoria in aula. Gradiente termico verticale, gradiente adiabatico secco e saturo.
- 09.15 – Teoria in aula. Vapore acqueo. Umidità assoluta, di saturazione, relativa, specifica, mixing ratio, temperatura di rugiada.
- 10.00 – Pausa caffe e prima analisi all’aperto della situazione meteorologica.
- 10.30 – Teoria in aula. Approfondimento sui punti di innesco termico, sui rotori termici e turbolenza associata.
- 11.30 – Teoria in aula. Tecniche di pilotaggio in termica. Ingresso, centraggio, virata, uscita, pilotaggio in turbolenza.
- 12.00 – Salita in uno dei decolli in base alle condizioni meteorologiche (Rubbio, Monte Corno, Campanara, Cima Grappa…) con navette o pullman messi a disposizione dall’organizzazione.
- 13.00 – Briefing meteo e sull’aerologia termica in decollo. Individuazione dei punti d’innesco e delle principali termiche nell’area di volo.
- 13.30 – Volo individuale. Autonomo per i Senior e assistito individualmente via radio per i piloti Junior dall’istruttore in decollo. Possibilità di un secondo volo per chi non dovesse riuscire ad “agganciare termica”.
- 16.30 – Debriefing sul proprio volo personale e analisi delle problematiche emerse.
- 17.30 – Teoria in aula. Analisi dei Cumuli: humilis, mediocris, congestus, fractus e relative termiche. Tecniche di pilotaggio in prossimità dei Cumuli. Aspirazione da Cumulo. Analisi tecniche di discesa rapida e relative problematiche.
- 18.30 – Visione video accelerati sui Cumuli e sul volo in termica
- 19.00 – Pausa relax
- 19.45 – Cena conviviale.
Domenica 26 febbraio 2017
- 08.15 – Ritrovo presso il Barrio.
- 08.30 – Cenno ai diagrammi di stato e radiosondaggi. Rappresentazione grafica delle isoterme, gradiente termico verticale, adiabatiche secche, temperatura di rugiada, adiabatiche sature, isoigrometriche, nei diagrammi di Stuve e di Herlofson. Idividuazione sviluppo verticale delle termiche, della quota base Cumulo, dello sviluppo verticale dei Cumuli.
- 10.00 – Pausa caffe e prima analisi all’aperto della situazione meteorologica.
- 10.30 – Servizio meteorologico della FIVL. Analisi dei Windgram, dei Blipspot e delle principali Blipmaps.
- 11.30 – Teoria in aula. Tecniche di pilotaggio avanzato in termica. Eventuali esercitazioni al simulatore.
- 12.00 – Salita in decollo (Rubbio, Monte Corno, Campanara, Cima Grappa…) con navette o pullman messi a disposizione dall’organizzazione.
- 13.00 – Briefing meteo e sull’aerologia termica in decollo. Proposta di tipologie di esercizi in termica con lo scopo di raggiungere determinati obiettivi.
- 13.30 – Volo individuale. Autonomo per i Senior e assistito individualmente via radio per i piloti Junior dall’istruttore in decollo, con specifici esercizi pratici. Possibilità di un secondo volo per chi non dovesse riuscire ad “agganciare termica”.
- 17.30 – Debriefing sul proprio volo personale e analisi delle problematiche emerse.
- 18.00 – Conclusioni.

Nota 1: il programma sopra specificato potrà subire variazioni in funzione delle condizioni meteorologiche previste. In particolare potranno essere anticipate o posticipate le risalite in decollo per ottimizzare la giornata di volo.
Nota 2: nel caso le condizioni meteorologiche dovessero impedire il volo in uno dei due giorni, saranno affrontati altri argomenti in aula, tra cui: analisi dei cieli pre-temporaleschi, temporali, fenomeni di stau e foehn, moti ondulatori e nubi lenticolari, approfondimenti sui Cumuli.

Per iscrizioni e informazioni
Zanocco Damiano - 349 1959892 – zanocco.damiano (AT) gmail.com – modulo adesione .pdf
Informazioni sulla scuola - Informazioni sul sito di volo - Informazioni sulle possibilità di alloggio - Informazioni sulle potenzialità di volo

Go to top