Scritto il .

“Aspettando il Vento”, il volo in deltaplano secondo Luigi Tumolo

aspettando ventoÈ con piacere che segnalo il libro dello scrittore e pilota

 

 

aspettando vento 350pxdi deltaplano Luigi Tumolo, “Aspettando il Vento”, periplo di pensieri gnostico - esoterici prima di un volo libero in deltaplano, che così presenta la sua opera:

“Come si legge nel sottotitolo, quest’opera parla di esoterismo, filosofia, gnosticismo, simbologia, attraverso ricordi e riflessioni, che scaturiscono nella mente dell’autore, prima di decollare con il proprio deltaplano.
Il volo è stato utilizzato come metafora della vita, un mezzo per confrontare e confrontarsi, una metodologia evolutiva affine nei principi alle pratiche sciamaniche, in particolar modo quelle Huna polinesiane e quelle Celtiche europee.
L’autore, a fronte della sua intensa esperienza sportiva in discipline estreme tra cui il volo libero, utilizza i momenti che precedono il decollo, i quali si dilatano proporzionalmente all’intensità emozionale degli stessi, per dissertare di argomentazioni che spaziano dalla religione alla massoneria, dall’esoterismo all’alchimia, appartenenti al ventaglio culturale dello scrittore.
L’opera in questione è un racconto volutamente breve ma “importante” di vita vissuta, dentro e fuori i cinque sensi, che si amplificano in base alle emozioni esperienziali del protagonista e dagli stati psicologici del momento.
Alcuni passi si intrecciano con i ricordi legati ai protagonisti coinvolti in questa attività sportiva, mentre in altri è presente un dialogo diretto con uno di loro.
L’ultimo capitolo è dedicato al mero atto del decollo e della planata verso l’atterraggio, ovviamente condito con i pensieri che colorano l’attività cognitiva di quegli attimi.
L’opera si conclude con l’epilogo che chiude il cerchio attraverso una poetica considerazione finale.
Ogni capitolo è introdotto ed è concluso con aforismi, caratteristica presente in tutte le mie pubblicazioni.”

Luigi Tumolo

In Amazon potete leggere un estratto e la prefazione dell’istruttore della ex scuola di volo libero Weekend Fly, Giuseppe Violante.
Grazie per l’attenzione

Gustavo Vitali, u.s. FIVL