Pillole di sicurezza: ricordare il futuro

mail

logo newsletter

Pillole di sicurezza

 

newsletter settimanale della

Commissione Sicurezza FIVL

 
  Newsletter n°82 - 09 Luglio 2020  
 
 

Ciao Visitatore,

Il nostro cervello fa fondamentalmente una cosa: previsioni. Quando entri in casa il tuo cervello non spende energie per processare quello che vede: l'ambiente, gli oggetti e la loro disposizione. Sono cose che hai visto un milione di volte, ambienti di cui il tuo cervello ha un'immagine mentale ben precisa, prevede quello che vedrai quando entrerai e, senza spendere troppe energie nell'osservare e valutare, completa l'immagine mentale con quello che già sa.
Se qualcosa di poco rilevante è fuori posto l'osservato non si discosta troppo dal previsto e probabilmente non te ne accorgi neanche. Potresti anche, a posteriori, essere assolutamente sicuro di averlo visto dove è sempre stato. Se invece qualcosa di rilevante è fuori posto, se diventa evidente che l'osservazione non combacia con la previsione, il tuo cervello cambia marcia e inizia a spendere energie nell'osservare e processare le informazioni per gestire la novità.

Ricordare il futuro

Questo mescolare l'osservazione e la previsione generata con informazioni provenienti dalla memoria serve a conservare energie. Se tutto va come da previsioni non è necessario spendere tante energie mentali per gestire la routine, se invece ti trovi di fronte ad una situazione inusuale il carico mentale sale.
Quando impari a guidare un'automobile, ad esempio, non riesci a pensare ad altro, sei totalmente assorbito dal compito. Più avanti, quando guidare è diventato routine, il carico mentale si abbassa e riesci a svolgere gli stessi compiti senza fatica, facendo nel frattempo anche altre cose come ad esempio conversare.
In volo la pianificazione, il pensare in anticipo a quello che vedrai e farai, abbassa il carico mentale e ti consente di conservare energie. La pianificazione la si può fare in tanti modi. Visitando con lo strumento virtuale un nuovo luogo di volo prima di andarci fisicamente, valutando accuratamente l'evoluzione meteorologica della giornata, valutando in anticipo le scelte che dovremo prendere nella fase successiva del volo.
Nelle situazioni critiche, ad esempio di fronte ad una configurazione inusuale, il carico per il cervello sale per gestire la situazione non prevista. Se una situazione simile l'abbiamo già affrontata, ad esempio in un corso SIV, il carico sarà comunque meno elevato e la gestione più efficiente.

 

Ricordati che puoi segnalare incidenti cliccando qui.
Le segnalazioni sono estremamente importanti, ci aiutano a migliorare la nostra sicurezza e a fare prevenzione. Hai il dubbio che l'incidente sia stato già segnalato? Non ti preoccupare, ogni segnalazione è importante perché più informazioni abbiamo e meglio è.

 
     
--
- www.fivl.it| Contattaci message
--