1.a tappa Campionato Triveneto 2021, 29 o 30 maggio, Gemona (Udine)

Il Comitato Triveneto e l’ASD Volo Libero Friuli ricordano che il29 o 30maggio 2021si svolgerà a Gemona(Udine) la 1.a tappa del Campionato Triveneto Parapendio & Deltaplano.

La scelta della giornata verrà comunicata entro le ore 20.00 di giovedì 27 maggio.

Centro operativo: atterraggio Bordano - mappa

Al fine di rendere più veloci le operazioni di registrazione, vi chiediamo di inviare a info (AT) cptriveneto.it i documenti di volo richiesti per l’iscrizione (tessera FIVL, attestato AeCI, visita medica e assicurazione).

Le classifiche verranno stilate utilizzando la traccia caricata sul sitodella Xcontest. Per questo è necessario che tutti i piloti siano iscritti all’XContest mondiale.

Contatti:

Comitato Triveneto: 351 5007476 – info (AT) cptriveneto.it – sitogruppo facebook con video del Volo Libero Friuli

Dora Arena: 329 3759763 - Luigi Seravalli: 349 0613099 – info (AT) cptriveneto.it

 

 

Campionato parapendio: titolo italiano 2021 non assegnato

 

Comunicato Stampa - Il brutto tempo ha funestato lo svolgimento del campionato nazionale di volo in parapendio a partire dal forte vento che ha obbligato gli organizzatori a posticipare di un paio di giorni la prova d’esordio.

Per inderogabili questioni di sicurezza si è dovuto dolorosamente rinunciare all’utilizzo del decollo ufficiale a 1584 metri sulle pendici del Monte Caio nel comune di Tizzano val Parma e ripiegare sulla più modesta quota del Monte Ciumè a 750 metri sopra Langhirano. Atterraggi a Torrechiara sotto la collina sulla quale si erge l’omonimo castello in un contesto storico spettacolare soprattutto se visto dal cielo.

Grazie alla formula aperta anche ai piloti stranieri in lizza per il Trofeo 100 Laghi, erano presenti un centinaio di piloti provenienti da una dozzina di nazioni oltre che dall’Italia, compresa una sparuta pattuglia di quote rosa che non si è tirata indietro di fronte ai maschietti.

La competizione si è svolta solo su tre manches delle sette previste, per lo più ridotte a percorsi minimi rispetto alle potenzialità di mezzi e piloti, rispettivamente 43, 66 e 30 km. Fallita la prospettiva di un quarto volo l’ultimo giorno, non è stato possibile omologare il campionato e assegnare il titolo, come previsto dalle norme FAI, cioè la federazione internazionale, sotto la cui egida si svolgono le principali competizioni.

Sono stati, invece, assegnati i premi per il Trofeo 100 Laghi con la vittoria di un pilota di casa, il giovane Michele Boschi,in odore di maglia azzurra, la nazionale italiana di parapendio campione del mondo in carica.Ha lasciato il secondo posto al veneto Loris Berta e il terzo al polacco Michal Gierlach.

Sul podio femminile la francese Sandra Antony, davanti alla milanese Silvia Buzzi Ferraris, pluricampionessa della nazionale, e all’ungherese Katalin Juhasz. Per la classe “sport”, cioè piloti che volano con parapendio meno performanti, al primo posto l’italiano Ionut Ulici davanti al polacco Grzegorz Fiema e Giulio Testolin di Thiene (Vicenza). Infine per la classe “serial” al primo posto il parmigiano Andrea Terenziani, seconda Sandra Antony e terzo Tommaso Carlini di Roma.

Organizzazione a cura dell’Aero Club Gaspare Bolla di Parma insieme al Paraclub Monte Caio – Deltaclub Melloni. Patrocini dell’Associazione Pro Schia-Monte Caio, dell’Ente Parchi del Ducato, dell’Unione Montana Appennino Parma Est, della Provincia di Parma e della Regione Emilia Romagna.

 

Gustavo Vitali – Ufficio StampaFIVL

Associazione Nazionale Italiana Volo Libero (registro CONI n. 46578)

il volo in deltaplano e parapendio - 335 5852431 - skype: gustavo.vitali

 

FOTO

 

informazioni sul Campionato Italiano di parapendio – Trofeo 100 laghi (Val Parma)

Volo Libero Monte Caio – Delta Club Melloni -sitopagina facebook

sito ufficiale con risultati e classifiche

addetta stampa Barbara Valla – barbara (AT) artistisenzanome.it – 338 5823373

 

Tutti icomunicati stampa FIVL

I Campionati Italiani di parapendio tornano nei cieli della Val Parma

Dal 24 al 31 luglio 2021 tornano in Emilia i Campionati Italiani di Parapendio – Trofeo Cento Laghi a Schia (Tizzano val Parma – PR). Otto giornate di gare con i migliori piloti al mondo di questa disciplina sportiva

Dal 24 al 31 luglio 2021 l’appennino parmense, ospiterà una nuova spettacolare edizione dei “Campionati Italiani di Parapendio – Trofeo Cento Laghi”. Si tratta di una competizione riconosciuta dalla Federazione Aeronautica Internazionale ed è organizzata dall’Aeroclub “Gaspare Bolla” di Parma insieme all’ASD Paraclub Monte Caio - Deltaclub Melloni in collaborazione con l’Associazione Pro Schia-Monte Caio e il patrocinio dell’Ente Parchi del Ducato, dell’Unione Montana Appennino Parma Est, della Provincia di Parma e della Regione Emilia Romagna.

Saranno otto giornate di volo a cui prenderanno parte circa centoventi piloti, provenienti da una ventina di nazioni diverse, per conquistare il titolo di campione italiano. Attualmente, a seguito dei mondiali 2019, la nazionale italiana è campione del mondo a squadre, e anche il titolo di campione del mondo (oltre che campione italiano) individuale è l’altoatesino Joachim Oberhauser.

Quartier generale sarà il nuovo polo sportivo nel piazzale di Schia (Tizzano Val Parma – PR), nel cuore di una delle più famose valli alimentari del mondo, inserita nel Parco Regionale dei Cento Laghi. L’area di decollo sarà in località Campo Grande in prossimità del Monte Caio, a una quota 1584 metri, a circa 10 minuti di auto dal paese, nei comuni di Palanzano e Tizzano val Parma. E il campo di gara spazierà dall’Emilia alla Toscana, comprendendo anche la Liguria, facendo sorvolare agli atleti una buona porzione di cieli dell’Appennino per poi riportarli ad atterrare in vari luoghi tra Tizzano e Langhirano.

La zona della Val Parma è un luogo privilegiato per lo svolgimento di importanti manifestazioni sportive di livello internazionale: è infatti già stata sede di campionati italiani anche di deltaplano. Partendo dalle catene appenniniche parmensi consente infatti notevoli percorrenze in volo con facilità di recupero che spaziano dall’Emilia alla Romagna, fino alla Liguria e Toscana.

Questo sport rientra tra le tante offerte outdoor dell’Appennino parmense, come running, trail running, MTB, trekking, orienteering, e climbing. Dal mese di agosto sarà attivo il sito del Trail Park (Trailpark100laghi.it), realizzato dai Parchi del Ducato grazie ad un finanziamento Por-fesr della Regione Emilia Romagna, che mette in rete tutte le discipline sportive che si possono praticare nella natura in questa zona.

Sarà unevento sportivo “plastic free” che aderisce al progetto regionale volto ad adottare una gestione dei rifiuti più sostenibile. Oltre ai contenitori per la raccolta differenziata si è scelto di adottare materiale ecologico e riutilizzabile, come le magliette della competizione, il cui tessuto ha la certificazione ecologica OEKO-Tex, le mascherine protettive riutilizzabili e per il pocket lunch dei piloti anziché bottigliette di plastica verrà fornito un kit con borraccia e zainetto, al posto delle buste in plastica.

La Val Parma e anche la città stessa, Capitale Italiana della Cultura per il 2021, offrono tanti spunti anche per visite storico-culturali come borghi, pievi, castelli, musei e mostre, senza dimenticare innumerevoli percorsi naturalistici per appassionati di mountain bike o passeggiate a cavallo, itinerari per il trekking e l’arrampicata sportiva, così come spazi attrezzati per organizzare piacevoli pic-nic in famiglia, oltre al cibo che ha reso famose le nostre valli.

Nonostante le difficoltà causate dalla pandemia, l’organizzazione non si è fermata, unanime l’orgoglio e insieme la trepidazione per essere ormai a un passo dall’inizio della programmazione di un evento sportivo così importante, con partecipanti provenienti da tutto il mondo che faranno divertire e innamorare i curiosi che arriveranno al decollo per ammirare le vele che coloreranno i cieli parmensi.

 

Che cos’è il volo in parapendio

Sport nato all’inizio degli anni Ottanta, il volo in parapendio consiste nell’utilizzo di un “paracadute ad alte prestazioni” che permette a chi lo pilota di coprire grandi distanze e mantenersi in volo per ore, solo sfruttando le correnti ascensionali e senza l’ausilio di alcun motore.

Grazie al costante miglioramento delle “vele” e all’avvento di nuovi materiali e tecnologie costruttive all’avanguardia, oggi un parapendio può volare ad una velocità prossima ai 70km/h e coprire grandi distanze prima di riportare il pilota al suolo. Sono nate così competizioni di velocità e distanza che seguono percorsi prestabiliti secondo le condizioni metereologiche offerte dalla giornata.

Barbara Valla

addetta stampa -barbara (AT)artistisenzanome.it – 338 5823373

Per informazioni:info(AT)deltaeparapendio.it -sito webpagina facebook

 

In Val Parma i campionati italiani di parapendio 2021

Comunicato stampa - L’edizione 2021 dell'Italian Paragliding Open, ovvero il Campionato Italiano di parapendio con formula aperta anche ai piloti stranieri, sarà ospitata dal 24 al 31 luglio in Val Parma, il comparto alimentare famoso in tutto il mondo.

Al momento hanno confermato la presenza 104 piloti, su una capienza massima di 125, provenienti da una dozzina abbondante di nazioni. Quartier generale dell’evento sarà il nuovo polo sportivo di Schia, frazione di Tizzano Val Parma a una manciata di km da Parma. I piloti spiccheranno il volo da Campo Grande a 1584 metri di quota, località alle pendici del Monte Caio tra prati e boschi di castagni nel comune di Palanzano. Da qui sorvoleranno l’Appennino parmense, con sconfinamenti in Liguria e Toscana, prima di atterrare in varie località tra Tizzano e Langhirano.

I percorsi precisi delle sette giornate di gara saranno determinati dalle condizioni meteo, fattore imprescindibile per la sicurezza dei piloti nel volo libero in parapendio e deltaplano, cioè senza motore, sulle ali del vento e delle masse d’aria ascensionali. Potrebbero toccare i 100 e più km se il tempo sarà molto favorevole.

Presente la nazionale azzurra campione del mondo in carica al completo a partire da Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano), detentore del titolo individuale. Poi Marco Busetta di Paternò (Catania), Chritian Biasi di Rovereto (Trento), la milanese Silvia Buzzi Ferraris, Alberto Vitale, ragusano trapiantato a Bologna, e Alberto Castagna di Cologno Monzese (Milano).

La gara rientra nel calendario FAI (Fédération Aéronautique Internazionale) ed è organizzata dal Aeroclub Gaspare Bolla di Parma insieme all’asd Volo LiberoMonte Caio – Delta Club Melloni.

 

Pioggia e vento sul Lago dei Tre Comuni (Udine) hanno costretto gli organizzatori a chiudere in anticipo le esibizioni mozzafiato dei piloti impegnati nel Campionato del Mondo di parapendio acrobatico.

Il titolo nella categoria solo è andato al cileno Victor “Bicho” Carrera, seguito dallo spagnolo Horacio Llorenzs e dall’olandese Luke De Weert. Migliore degli italiani il reatino Marco Papa, decimo. Categoria “synchro”, cioè evoluzioni in copia: medaglia d’oro agli spagnoli Horacio Llorenzs-Raul Rodriguez seguiti dalle coppie austrriache Norbert Winkler-Thomas Schloegl e Roland Brunnbauer-Thomas Laireiter

Il titolo a squadre è stato vinto dalla Francia, seguita da Colombia e Spagna. Italia al sesto posto.

 

Gustavo Vitali – Ufficio Stampa FIVL

Associazione Nazionale Italiana Volo Libero (registro CONI n. 46578)

il volo in deltaplano e parapendio - 335 5852431 - skype: gustavo.vitali

FOTO

informazioni sul Campionato Italiano di parapendio – Trofeo 100 laghi (Val Parma)

Volo LiberoMonte Caio – DeltaClub Melloni -sitopagina facebook

sito ufficiale con risultati e classifiche

addetta stampa Barbara Valla – barbara (AT) artistisenzanome.it – 338 5823373

 

informazioni sul Campionato del Mondo di acrobazia in parapendio, Lago dei Tre Comuni (Udine)

Luigi Seravalli – 349 0613099 -info (AT) vololiberofriuli.it

sito ufficiale– pagina facebookVolo Libero Friuli

addetta stampa Barbara Valla – barbara (AT) artistisenzanome.it – 338 5823373

 

Tutti icomunicati stampa FIVL

 

Italiani deltaplano: la decima volta di Christian

Decimo titolo italiano di volo in deltaplano per Christian Ciech che ha vinto tutte e quattro le manches tra i 62 e 111 km disputate nel comprensorio del Monte Avena in quel di Feltre (vedi comunicato stampa).

Nella classifica Italian Open -Trofeo Guarnieri secondo posto per il francese Mario Alonsi e terzo per Marco Laurenzi che diventa il vice campione d’Italia 2021. Quarto Francesco Marsella.

Classifica Classe 5 (deltaplani ala rigida)

1 - Konrad Baumgartner; 2 - Marzio Digiusto; 3 - Stefano Dalla Vecchia

Classifica Classe 1 Sport

1 - Andrea Fusi; 2 - Serge Mainente (Francia); 3 - Katia Bruni

Il palmares completo del campione d’Italia 2021 e più volte campione del mondo è stato pubblicato da Flavio Tebaldi nel gruppo facebook Nazionale Italiana Deltaplano dal quale abbiamo tratto la foto.

 

Gustavo Vitali, u.s. FIVL

 

Posticipati a lunedì i Campionati Italiani di Parapendio a Schia – Monte Caio (Parma)

Causa vento forte in quota previsto per domenica, si è deciso di posticipare l’inizio delle gare a lunedì 26 luglio 2021. Nel parmense in arrivo i migliori piloti al mondo di questa disciplina sportiva

Inizio dei “Campionati Italiani di Parapendio – Trofeo Cento Laghi” posticipato a lunedì 26 luglio 2021 causa forte vento in quota previsto per domenica. Siccome le condizioni meteo sono imprevedibili e la garanzia di sicurezza è sempre al primo posto, l’Organizzazione dell’evento e il direttore di gara sono arrivati a questa decisione. Domenica 25 registrazione piloti (dalle 17) e “Training day”, ovvero voli liberi di conoscenza della zona di volo da parte degli atleti. Lunedì 26 primo giorno ufficiale di gara.

Si tratta di una competizione riconosciuta dalla Federazione Aeronautica Internazionale ed è organizzata dall’Aeroclub “Gaspare Bolla” di Parma insieme all’ASD Paraclub Monte Caio - Deltaclub Melloni in collaborazione con l’Associazione Pro Schia-Monte Caio e il patrocinio dell’Ente Parchi del Ducato, dell’Unione Montana Appennino Parma Est, della Provincia di Parma e della Regione Emilia Romagna.

L’appennino parmense è quindi pronto ad ospitare una nuova spettacolare edizione dei Campionati Italiani che presenta formula aperta anche ai piloti stranieri (Italian Paragliding Open) per un totale di circacentoventi atleti (uomini e donne), provenienti da unaventina di nazioni diverse, per conquistare il titolo di campione italiano.Attualmente, a seguito dei mondiali 2019, la nazionale italiana è campione del mondo a squadre, e anche il titolo di campione del mondo (oltre che campione italiano) individuale è l’altoatesino Joachim Oberhauser.

Quartier generale sarà il nuovo polo sportivo nel piazzale diSchia (Tizzano Val Parma – PR), nel cuore di una delle più famose valli alimentari del mondo, inserita nel Parco Regionale dei Cento Laghi. L’area di decollo sarà in località Campo Grande in prossimità del Monte Caio, a una quota 1584 metri, a circa 10 minuti di auto dal paese, nei comuni di Palanzano e Tizzano val Parma. E il campo di gara spazierà dall’Emilia alla Toscana, comprendendo anche la Liguria, facendo sorvolare agli atleti una buona porzione di cieli dell’Appennino per poi riportarli ad atterrare in vari luoghi tra Tizzano e Langhirano.

La zona della Val Parma è un luogo privilegiato per lo svolgimento di importanti manifestazioni sportive di livello internazionale: è infatti già stata sede di campionati italiani anche di deltaplano. Partendo dalle catene appenniniche parmensi consente infatti notevoli percorrenze in volo con facilità di recupero che spaziano dall’Emilia alla Romagna, fino alla Liguria e Toscana.

Questo sport rientra tra le tante offerte outdoor dell’Appennino parmense, come running, trail running, MTB, trekking, orienteering, e climbing. Dal mese di agosto sarà attivo il sito del Trail Park (Trailpark100laghi.it), realizzato dai Parchi del Ducato grazie ad un finanziamento Por-fesr della Regione Emilia Romagna, che mette in rete tutte le discipline sportive che si possono praticare nella natura in questa zona.

Sarà unevento sportivo “plastic free” che aderisce al progetto regionale volto ad adottare una gestione dei rifiuti più sostenibile. Oltre ai contenitori per la raccolta differenziata si è scelto di adottare materiale ecologico e riutilizzabile, come le magliette della competizione, il cui tessuto ha la certificazione ecologica OEKO-Tex, le mascherine protettive riutilizzabili e per il pocket lunch dei piloti anziché bottigliette di plastica verrà fornito un kit con borraccia e zainetto, al posto delle buste in plastica.

La Val Parma e anche la città stessa, Capitale Italiana della Cultura per il 2021, offrono tanti spunti anche per visite storico-culturali come borghi, pievi, castelli, musei e mostre, senza dimenticare innumerevoli percorsi naturalistici per appassionati di mountain bike o passeggiate a cavallo, itinerari per il trekking e l’arrampicata sportiva, così come spazi attrezzati per organizzare piacevoli pic-nic in famiglia, oltre al cibo che ha reso famose le nostre valli.

Nonostante le difficoltà causate dalla pandemia, l’organizzazione non si è fermata, unanime l’orgoglio e insieme la trepidazione per essere ormai a un passo dall’inizio della programmazione di un evento sportivo così importante, con partecipanti provenienti da tutto il mondo che faranno divertire e innamorare i curiosi che arriveranno al decollo per ammirare le vele che coloreranno i cieli parmensi.

Barbara Valla

addetta stampa - barbara (AT) artistisenzanome.it – 338 5823373

Per informazioni: info (AT) deltaeparapendio.it - sito web – pagina facebook

Trofeo Cento Laghi a Schia: titolo al parmigiano Michele Boschi

Sabato 31 luglio in val Parma si sono conclusi i “Campionati Italiani di Parapendio – Trofeo Cento Laghi”, che hanno avuto inizio lunedì 26 luglio, dopo il posticipo deciso a causa di forte vento in quota previsto per la domenica. I decolli sono avvenuti a Monte Ciumè (a 750 metri di quota, sopra Langhirano) per permettere voli in sicurezza, invece che al decollo ufficiale sul monte Caio, nel comune di Tizzano val Parma (a 1584 metri) preparato di tutto punto per la grande occasione e per le future competizioni di volo libero.

Nonostante fino all’ultimo si sia sperato di poter effettuare la quarta manche che avrebbe consentito di ottenere punti sufficienti affinché si potesse assegnare il titolo di Campione Italiano 2021, si è dovuta annullare la task, prevista di breve durata e nel basso crinale, a causa del vento da sud ovest che ha reso impossibile il decollo in sicurezza.

Riconosciuta dalla FAI e organizzata dall’Aeroclub “Gaspare Bolla” di Parma insieme all’ASD Paraclub Monte Caio - Deltaclub Melloni, in collaborazione con l’Associazione Pro Schia-Monte Caio e il patrocinio dell’Ente Parchi del Ducato, dell’Unione Montana Appennino Parma Est, della Provincia di Parma e della Regione Emilia Romagna, la competizione con formula “open”, ha permesso la partecipazione anche a piloti stranieri, per un totale di 109 atleti iscritti (tra uomini e donne), provenienti da 13 nazioni diverse.

Alla premiazione avvenuta ieri alle 18.30 al quartier generale di Schia, presente l’amministrazione di Tizzano val Parma insieme al sindaco Amilcare Bodria che ha ringraziato chi ha organizzato la manifestazione, sottolineando come questo territorio abbia la certificazione Mab Unesco, con peculiarità legate alla biodiversità. Ringraziamenti e saluti anche da parte della presidente e del vice presidente dell’Associazione Pro Schia-Monte Caio, rispettivamente Cecilia Saltini e Daniel Bocchi.

Pietro Bacchi, direttore di gara insieme al suo aiuto Roberto Cattaneo di Langhirano, durante la cerimonia di premiazione ha precisato: “questa zona di volo è molto particolare e dà possibilità inaspettate per il medio appennino. Siamo riusciti a scoprire un modo di volo particolare rispetto al volo alpino, che ha presentato situazioni interessanti che hanno dato ottimi risultati purtroppo nell’unica manche che siamo riusciti a centrare, grazie all’organizzazione e alla competenza dello staff e alle condizioni meteo favorevoli che si sono sviluppate nella giornata di giovedì. Poi purtroppo la situazione meteo, che ha colpito tutto il nord italia, ha penalizzato anche la zona del medio appennino tosco-emiliano, coinvolgendo pesantemente lo svolgimento di tutte le manche. Purtroppo non è stata possibile la validazione del Campionato Italiano, mentre l’omologazione del Trofeo 100 Laghi come gara di FAI 2 sì. Il posto di volo è molto interessante, ringrazio le amministrazioni locali che hanno permesso lo svolgimento della manifestazione con l’allestimento delle aree di decollo e di atterraggio con opere molto ben fatte e anche lo staff che ha permesso l’organizzazione di tutto quanto l’evento, grazie a tutti. Speriamo di fare altrettanto bene e con risultati migliori il prossimo anno”.

Alessandro Rossi, Presidente dell’ASD Paraclub Monte Caio – Deltaclub Melloni, club organizzatore dell’evento, insieme alla scuola di volo “Try To Fly Andrea Diobelli” e all’Aeroclub Gaspare Bolla, ha aggiunto: “si è conclusa una settimana molto intensa per quanto riguarda l’organizzazione dei Campionati Italiani di Parapendio che hanno visto uno sforzo importante da parte dell’organizzazione che ha creato questo evento nel territorio dell’alta val parma, fortemente voluto anche dalle istituzioni: dall’Ente Parchi del Ducato alla Regione Emilia Romagna, dalla Provincia all’Unione Montana Appennino Parma Est, passando per i Comuni coinvolti, fino al Consorzio di Bonifica Parmense. A loro vanno i nostri ringraziamenti così come agli sponsor, ma ci tango a sottolineare quanto è stato importante anche il lavoro dello staff molto affiatato, tra volontari del club, appassionati e della scuola di volo locale, che si sono uniti con un unico obiettivo: consentire ai tanti piloti arrivati con le proprie famiglie di portare a casa un’esperienza da ricordare, efficiente e umana. E’ stata la manifestazione a livello europeo più partecipata e che ha visto protagonisti anche i piloti italiani della nazionale accanto a quelli stranieri. La soddisfazione è stata tanta, nonostante l’inclemenza del tempo siamo tutti pronti per ripetere un’esperienza simile nel nostro territorio nella politica anche di destagionalizzazione della collina che si presta a nuove attività e sport. Ringrazio le imprese territoriali e locali che hanno contribuito al successo dell’iniziativa, non ultimo l’Aeroclub Gaspare Bolla che ha consentito l’attività con i permessi necessari per poter sviluppare questa importante manifestazione. Sette giorni che ci hanno portato a ricevere anche molti elogi da parte dei piloti stranieri che hanno conosciuto questo territorio. Io sono convinto che ritorneranno a volare nei nostri cieli. Il rifacimento del decollo del Caio, effettuati dalle imprese Benassi e La Tizzanese Srl, speriamo possa accoglierli nella prossima occasione e speriamo di ospitare nuove manifestazioni di questo tipo”. Unanimi infatti i messaggi dei piloti duranti i saluti prima di tornare alle proprie case in Europa e nel resto del Mondo: nonostante il tempo ci abbia fatto penare, portiamo con noi il ricordo di un’esperienza indimenticabile con persone speciali e un’organizzazione impeccabile.

La classifica “Open Trofeo 100 Laghi” ha incoronato al primo posto il giovane parmigiano Michele Boschi (977 punti), emergente tra i piloti della nazionale italiana di parapendio (attuale squadra campione del mondo in carica): “abbiamo vissuto un’incredibile settimana sia come organizzazione che come piloti. Mi ha dato tanta soddisfazione sia come organizzatore che come pilota. Oltre alla vittoria che per me certamente è importante, è stato bello vedere tanti atleti felici di essere qui ad apprezzare il posto e l’organizzazione. E’ stato questo un trampolino di lancio per altre esperienze che possiamo intraprendere, con la speranza di avere condizioni meteo più favorevoli. Grande emozione vincere la manche con sotto lo sguardo del prestigioso castello di Torrechiara, perchè in dieci anni di esperienza in volo di distanza non avevo mai avuto l’opportunità di atterrare qui, arrivando primo in gol a una task di un campionato italiano”. Al secondo posto il veneto Loris Berta (949 punti) e terzo il polacco Michal Gierlach (939).

Il podio femminile ha visto prima la francese Sandra Antony, seconda la milanese Silvia Buzzi Ferraris, pluricampionessa, della nazionale italiana, terzo posto per l’ungherese Katalin Juhasz. Per la classe “sport”, cioè piloti che volano con parapendio meno performanti, al primo posto Ionut Ulici (ITA), al secondo Grzegorz Fiema (POL) e al terzo Giulio Testolin (ITA). Quinto il parmigiano Giovanni Maluberti, anche vice presidente del Paraclub Monte Caio - Deltaclub Melloni. Infine per la classe “serial”: al primo posto il parmigiano Andrea Terenziani, seconda la francese Sandra Antony e terzo l’italiano Tommaso Carlini.

 

Barbara Valla

addetta stampa - barbara (AT) artistisenzanome.it – 338 5823373

Per informazioni: info (AT) deltaeparapendio.it - sito web – pagina facebook

Volo libero in parapendio e deltaplano dal Monte Bianco al Friuli

Comunicato stampa - Dopo due giornate di allenamento, è decollato il campionato italiano di volo in deltaplano, Trofeo Guarnieri 2021. Terminerà il 3 luglio con le premiazioni.

Il sito di volo è quello del Monte Avena con centro operativo presso la sede del Para&Delta Club Feltre, organizzatore dell’evento, in località Boscherai nel comune di Pedavena (Belluno). I percorsi di gara spazieranno dalla vallata del Piave, alla conca dell’Alpago, dalla Valsugana fino a Levico e, se le condizioni meteo lo permetteranno, fino all'impegnativa zona pedemontana tra Bassano del Grappa e Vittorio Veneto.

 

Dal 6 al 17 luglio 2021 adrenalina alle stelle sul Lago dei Tre Comuni in provincia di Udine con i 60 migliori piloti al mondo di parapendio acrobatico impegnati in manovre mozzafiato durante Acromax, tappa del circuito mondiale di acrobazia, e il 3° Campionato del Mondo della disciplina.

I primi tre giorni saranno dedicati ad Acromax; subito dopo, con base a Trasaghis, scatteranno i mondali per un totale di 12 giorni. Organizzazione a cura di Aero Club Lega Piloti in collaborazione con Volo Libero Friuli. In campo uno staff di un centinaio di persone tra volontari, giudici della Federazione Aeronautica Internazionale e assistenti delle squadre nazionali.

Centro operativo nelle strutture installate sulla riva ovest del Lago dei Tre Comuni che con un’area di 174 ettari è il più esteso tra quelli naturali del Friuli e bagna i comuni di Cavazzo Carnico, Bordano e Trasaghis. Dopo il decollo dal Monte San Simeone (1220 mt) e manovre dove la fisica sembrerà piegarsi al talento e alla creatività degli atleti, questi ragazzi atterreranno sulla zattera galleggiante posizionata sul lago. Spettacolo assicurato dal primo all’ultimo secondo.

 

Lungo le Alpi sono in corso le ultime battute della XAlps, classica biennale di volo in parapendio ed escursionismo giunta quest’anno alla decima edizione.

Il percorso si dipana per 1238 km con partenza e ritorno in Austria entro il 2 luglio dopo aver toccato dodici punti fissi, detti turnpoint, la vetta del Monte Bianco il più occidentale, e dopo aver volato sopra le montagne di Austria, Germania, Svizzera, Francia e Italia. Oppure camminato perché laprimaregola delle gare di hike&flyrecita “o voli, o cammini”.

Dei 33 piloti provenienti da 17 nazioni di ogni continente e decollati da Salisburgo, ne sono rimasti in gara 24. Oramai prossimo la traguardo il marziano con passaporto svizzero Christian Maurer che si appresta a vincere la maratona per la sesta volta. Degli azzurri restano in gara Tobias Grossrubatscher e Aaron Durogati (Bolzano) rispettivamente settimo e ottavo, ma le posizioni sono in continua evoluzione anche se una rimonta appare disperata. Ritirato per guai fisici l’esordiente trentino Nicola Donini dopo una generosa prestazione.

 

Gustavo Vitali – Ufficio Stampa FIVL

Associazione Nazionale Italiana Volo Libero (registro CONI n. 46578)

il volo in deltaplano e parapendio - 335 5852431 - skype: gustavo.vitali

 

FOTO

 

per altre informazioni sulCampionato Italiano di deltaplano a Pedavena (Belluno)

Valter Turrin- 328-410-9594 - campionatoitalianodelta (AT) gmail.com

sito ufficialesito Para&Delta Club Feltre

 

per altre informazioni su Acromax, Lago dei Tre Comuni(Udine)

Luigi Seravalli– 349 0613099 -info (AT) vololiberofriuli.it

sito ufficiale– pagina facebookVolo Libero Friuli

 

per altre informazioni sulla Red Bull XAlps –sito ufficialepagina facebook

 

Tutti icomunicati stampa FIVL

 

EHPU-Logo

Membro Fondatore dell'unione Europea di Volo Libero
Co-Founder Member of European Hangliding and Paragliding Union

ASD FIVL- Associazione Nazionale Italiana Volo Libero
Il volo in deltaplano e parapendio (registro CONI n. 46578)

Via Salbertrand, 50 - 10146 Torino 
Tel. +39 011 744 991 - Fax +39 011 752 846
Email: fivl@fivl.it
P.Iva 10412570011

ORARI SEGRETERIA 8.15-12.15/13-17