Skip to main content

Red Bull X-Alps 2023: francesi in testa

parapendio x-alps 2023

Ecco il comunicato stampa odierno dell’organizzazione della Red Bull X-Alps 2023 tradotto dal nostro Rinaldo Frattini, addetto FIVL per la disciplina hike & fly. Nelle foto in alto di Adi Geisegger alcuni piloti all’inseguimento dei primi; sotto a destra la foto di Lukas Pilz che ritrae Damien Lacaze in marcia tra le nevi; sotto a sinistra atleti in cammino sullo sfondo di un panorama mozzafiato ritratto da Sebastian Marko.

Non dimenticate i nostri live. tutte le sere tra le 22,30 e le 23,30/24,00 sui Live streaming FIVL Channels  YouTube e Facebook

"Francesi in testa

Damien Lacaze (FRA2) combatte contro Chrigel Maurer (SUI1), in testa per tutta la mattinata con Maxime Pinot (FRA1) che lo insegue. Maurer è ancora in testa ma la lotta al vertice è apertissima.

Ogni edizione della Red Bull X-Alps nei suoi 20 anni di storia è stata vinta da un atleta svizzero. Quest’anno il comando si è scambiato tra diversi atleti tra cui Pal Takats (HUN), Patrick von Känel (SUI2), Maxime Pinot (FRA1) e Chrigel Maurer (SUI1). Ieri sera tardi e per gran parte della mattinata c'è stato un nuovo nome in cima alla classifica: Damien Lacaze (FRA2), alpinista, velista e pilota francese di 37 anni.

Durante una giornata straordinaria ha trascorso 11 ore e 13 minuti in aria, coprendo una distanza di 226 km dal Monte Bianco, attraverso i laghi del nord Italia fino a Sondrio in Lombardia. Ha lottato contro forti venti, turbolenze e difficili restrizioni dello spazio aereo, oltre ad aver eseguito un ascesa di 2.000 metri all'inizio della giornata

"È stata una lotta dura", ha detto Lacaze. “È difficile da credere, è stato complicato tutto il giorno. È stato molto difficile, molto lungo e lento al centro a causa del vento, ma sono riuscito a tenermi in aria e a non commettere errori”.

Dopo aver allestito il campo alle 21:30, era di nuovo in movimento alle 04:45 per trovare un sito di lancio in montagna. Ha camminato per 3 ore e 30 minuti, coprendo una distanza di 16 km e un'ascesa di 1.800 metri fino alla cima del Monte Padrio a 2.153 metri. Purtroppo lì ha trovato solo un forte vento da nord e un cielo coperto. Ha aspettato 20 minuti prima di proseguire a piedi. Un inizio del genere è una routine per gli atleti nella gara d'avventura più dura del mondo.

A metà pomeriggio Maurer era ancora una volta in testa dopo una giornata deludente di ieri che lo aveva visto  superato da Pinot e Lacaze durante l'ultima planata della serata. "Non era felice", ha detto il suo assistente Lars Meerstetter. "Ma vedrete grandi cose domani", ha predetto. Maurer ha puntualmente rispettato le previsioni, segnando Turnpoint 12, Cima Tosa.

Nel frattempo Eli Egger (AUT4), una delle quattro atlete in gara ha doppiato il Monte Bianco e se riuscirà a mantenere questo ritmo, è sulla buona strada per diventare la prima donna in assoluto a segnare il goal nella Red Bull X-Alps. Purtroppo, per Laurie Genovese (FRA3) la gara si è conclusa con una delusione dopo essere stata eliminata questa mattina come ultima atleta classificata. Ha concluso la gara nei pressi del Piz Buin, Turnpoint 5, dopo aver percorso una media di 73 km al giorno.

Commenta il co-fondatore della corsa Ulrich Grill: “Stimiamo che il primo atleta arrivi in goal sabato sera o domenica, comunque ci  saranno molti atleti che entreranno in goal quest'anno, quasi 20 se tutto va bene. Sarà una festa pazzesca a Zell am See"."

x alps 2023 lacaze neve 750px x alps 2023 monte neve 750px

 

 

lotta, hike & fly, cielo, evento, Red Bull XAlps, classifica, foto, panorama, spazio aereo, giorno

  • Visite: 503