Skip to main content

Nuovi record alla Red Bull X-Alps 2023

X-Alps pilota atterra

Ecco il comunicato stampa odierno che lo staff della Red Bull X-Alps 2023 ha passato a Rinaldo Frattini, accreditato FIVL presso l’organizzazione.

Nel frattempo sta andando in onda la diretta serale su questa decima edizione della maratona lungo le Alpi. La potete seguire grazie ai Live streaming FIVL Channels YouTube e Facebook, rivedibili in differita in questa play list. Questa sera toccherà a Nik DoniniPatrick von Känel e Christian Maurer

Nelle foto di Christian Lorenz, in alto: l’austriaco Simon Oberrauner atterra in sesta posizione sulla zattera in mezzo al lago di Zell am See in Austria, meta finale della Red Bull X-Alps 2023; sotto a destra: lo svizzero Patrick von Känel al traguardo; sotto a sinistra Damien Lacaze (Francia) si rinfresca nelle acque del lago.

"Nuovi record alla Red Bull X-Alps 2023

Scene emozionanti a Zell am See, in Austria, quando un numero record di atleti raggiunge l'obiettivo, atterrando in uno stile spettacolare su un galleggiante dopo aver camminato e volato per 1.223 km attraverso le Alpi. 

In scene senza eguali nella storia del Red Bull X-Alps, dozzine di atleti oggi sono atterrati sulla boa di arrivo, appena un giorno dopo che Chrigel Maurer (SUI1) ha ottenuto ieri la sua ottava vittoria.

Per spettatori e turisti, è stato uno spettacolo elettrizzante mentre gli atleti scendevano a spirale dal cielo per atterrare su una minuscola piattaforma galleggiante. Per gli atleti, ha segnato la fine di una straordinaria ed epica odissea di 1.223 km intorno alle Alpi iniziata a Kitzbühel – Kirchberg, in Austria, appena una settimana fa.

Per alcuni è stato un momento incredibilmente emozionante. Tim Alongi (FRA4) è stato uno dei tanti atleti a scoppiare in lacrime mentre veniva abbracciato dalla sua squadra. "Vorrei avere le parole per questa sensazione di felicità, in questo momento", ha detto. “Sono stati più di due anni di sacrifici e di lavoro. Non potevo aspettarmi di finire questa gara”.

"Questa è una delle emozioni più forti della mia carriera in parapendio", ha detto il 37enne Pal Takats (HUN), una figura ben nota nella scena. “È pazzesco – indescrivibile. Fare gol è sempre stato un sogno, l'ho mancato due volte. È ancora difficile capire che ora è la realtà ed è successo così in fretta.

Simon Oberrauner (AUT1) ha "disegnato" un cuore nel cielo per la sua ragazza Anna con il suo tracklog GPS. L'atleta svizzero Reto Reiser (SUI4) ha deliziato la folla con il suo "Reto flip", un tipico salto mortale frontale che fa all'atterraggio, che si è concluso con lui che si è tuffato in acqua.

Ieri sera 21 atleti hanno giocato i loro pass notturni per fare proseguire ad oltranza e  raggiungere l'obiettivo. In testa è stata una feroce battaglia a quattro per il secondo e terzo posto tra Damien Lacaze (FRA2), Maxime Pinot (FRA1), Pal Takats (HUN) e Patrick von Känel (SUI2). Effettuando un ultimo volo con un atterraggio poco prima dell'orario ufficiale di non volo alle 21:00, Lacaze è riuscito ad assicurarsi un vantaggio decisivo. Durante la notte ha percorso 80 km e ha scalato 2.200 metri di dislivello. Ha raggiunto l'ultimo Turnpoint Schmittenhöhe poco dopo le 03:00. Piuttosto che aspettare di volare giù alle 06:00 e rischiare di essere raggiunto da Pinot, è sceso a piedi. Poiché la gara non è finita fino a quando gli atleti non toccano il galleggiante finale, Lacaze è poi nuotato verso il galleggiante per rivendicare ufficialmente il 2 ° posto con un tempo di 6d 18h ​​5m.

"È stata una grande esperienza per me", ha detto. “Non era un obiettivo salire sul podio, era un sogno troppo grande, sono venuto solo per l'avventura con la mia squadra, ma ne sono molto contento, anche se un po' stanco”.

Pinot è arrivato entro un'ora, chiudendo con un tempo ufficiale di 6d 18h ​​47m. Ha segnato una rimonta notevole per l'atleta francese, che sembrava essere uscito dalla classifica. "Sono felice di essere qui e grato per la mia squadra. Senza di loro non ce l'avrei fatta, di sicuro. È stata un'edizione così dura. Mi sento mentalmente prosciugato ora - niente più carburante. Ho bisogno di riposare", ha detto.

L'edizione di quest'anno della gara d'avventura più dura del mondo, caratterizzata dal bel tempo, ha visto battere numerosi record, tra cui:

- Il traguardo più veloce – 6d 6h 1m, Chrigel Maurer (SUI1)

- Il volo più lungo - 11h 13m / 266km stabilito da Damien Lacaze (FRA2) il giorno 5

Con altri quattro giorni di gara rimasti per gli otto atleti rimasti sul percorso, sono probabili altri due record entro la fine:

- Il maggior numero di atleti in goal. Il record precedente era di 19 nel 2015.

- La prima donna a raggiungere l'obiettivo. Eli Egger (AUT4) si trova attualmente a poco più di 200 km da Zell am See e potrebbe farcela entro due giorni.

Commenta il co-fondatore della gara Ulrich Grill. “Questa si è rivelata un'edizione incredibile del Red Bull X-Alps. Non si erano mai viste scene così all'arrivo, con tanti atleti che arrivano così presto uno dopo l'altro dopo una settimana di traversata delle Alpi. È incredibile. Saluto i risultati di tutti gli atleti e non vedo l'ora di dare il benvenuto ai restanti atleti ancora in lotta per completare il percorso. Dovremmo vederne  più di 20 in  gol , un record in gara”."

x alps 2023 damien lacaze 750px x alps 2023 patrick von känel 750px

 

piloti, parapendio, volo, lago, zattera, alpi, maratona, Red Bull X-Alps, atleti, meta

  • Visite: 619