Cosa mi dà sempre la Fivl?

Cosa mi dà sempre la Fivl?

Sarà retorico e forse anche banale, ma le prime cose che mi vengono in mente sono ...  partecipazione e solidarietà.

Con la quota di tesseramento sostengo l'unica organizzazione che nel corso di una storia quarantennale ha compattato e organizzato i piloti di volo libero italiani, li ha difesi, ha ricercato e promosso diversi miglioramenti nelle leggi riguardanti la nostra disciplina. Soprattutto non li ha mai abbandonati.

Oggi, iscrivendomi alla FIVL, mi vengono offerti molti e in alcuni casi indispensabili servizi. Tuttavia, quello che più conta è il contatto amichevole e solidale.

Tra i servizi, in ordine alfabetico, trovo:

Cartina siti di volo

Nel sito FIVL trovo una cartina con segnalati i principali siti di volo in Italia, grazie alla quale posso scegliere dove andare a volare. Una cartina con segnalati addirittura 600 siti di volo è stata allegata in forma cartacea al mensile Volo Libero che la FIVL distribuisce gratuitamente a tutti i sui piloti.

Convenzioni

La FIVL ha pensato di fare in modo che posso recuperare in tutto od in parte quanto spendo per volare sotto forma di sconti e vantaggi vari. In un caso in particolare basterà una sola convenzione per recuperare l’intero costo dell’iscrizione alla FIVL (tessera). Spulciando tra le varie convenzioni, potrò recuperare anche altri costi. Al momento sono attive la convenzione con Asso Cral, quella con Benacquista riguardo la RC autoe quella con Sport Specialist. La ricerca di altre convenzioni continua (vedi home page in basso)

Iscrizione gratuita alla X-Contest 

Grazie alla FIVL che ne sopporta i costi, posso partecipare alla competizione on-line X-Contest, scaricare i voli e inserirmi nelle classifiche nazionali e internazionali. Ho modo di consultare i voli dei  migliori piloti al mondo e imparare dalle loro esperienze.

Manifestazioni e gare

La FIVL promuove manifestazioni e gare, sostiene gli organizzatori di tali eventi e offre agli stessi gratuitamente la copertura assicurativa RCT. Quindi i club che organizzano manifestazioni, dal semplice raduno alla gara più impegnativa, e lo comunicano a FIVL sono coperti dalla nostra polizza senza ulteriori spese.

La FIVL si preoccupa di far crescere i piloti, in particolare i neo brevettati per avvicinarli alle competizioni, viste più come momento d’aggregazione, che agonistico.

Posso iscrivermi agli Stages Nazionali Aspiranti Fun (SNAF), deicati a tutti i piloti che vogliono iniziare a partecipare ai meeting regionali di parapendio in categoria “FUN”, vale a dire la categoria riservata a chi è alla prime armi. Grazie a tutto ciò mi è offerta l’occasione di imparare a volare meglio ed in sicurezza, trascorrere il mio tempo libero in allegria, consolidare amicizie o crearne delle nuove

Mercatino

Nel sito FIVL trovo e posso inserire inserzioni di materiale per il volo

Organizzazione di riferimento in campo internazionale

La FIVL è membro fondatore dell'Unione Europea di Volo Libero (EHPU), è riconosciuta da questa come riferimento per l’Italia. Ogni conoscenza ed informazione, in particolare sulla sicurezza, è prontamente condivisa con i piloti italiani. La FIVL partecipa alle riunioni del CEN per la standardizzazione delle normative europee sui materiali impiegati al fine di migliorare ed incrementare la sicurezza del volo.

Polizza assicurazione RCT(obbligatoria per legge)

LA FIVL mi offre l’occasione di assicurarmi con una polizza RCT(obbligatoria) ed anche tutelarmi da infortuni personali (facoltativo) a costi ragionevoli e con adeguate coperture, grazie ad un contratto assicurativo stipulato da FIVL in forma collettiva. Essa costituisce anche un riferimento importante nel confronto con altre offerte presenti su mercato, con effetto di calmiere sul mercato. Fascicolo Informativo

-tariffe 2022 volo libero monoposto  - tariffe 2022 volo libero biposto e voucher giornalieri per chi vola in compagnia di tanto in tanto...

tariffe 2022 paramotore (possibilità di assicurarsi congiuntamente per il volo libero e volo in paramotore)

Principali benefici

- copertura valida indipendentemente dalla trascrizione della visita meica sull'attestato di volo

- mantenimento dei costi ai livelli accettabili, per non dire minimi

- elevata capacità contrattuale con effetti nella definizione rapida dei sinistri e dei rimborsi

- capacità di costituire un riferimento normativo e di applicabilità delle leggi

- immeiata valutazione e automatico adeguamento delle polizze al mutare delle esigenze operative

- utilizzo di un unico e informato interlocutore delle compagnie assicuratrici

- prodotti specifici per le nostre esigenze, come la tutela legale per i responsabili di manifestazioni

- estensione delle polizze a tutte le attività: parapendio, deltaplano, aquilone classico e da trazione

- polizze con condizioni chiare, pubblicate senza omissioni e sottoscritte con compagnie affidabili.

Previsioni meteo

Accedendo al sito FIVL, consulto le previsioni meteo dettagliate su gran parte dei siti di volo italiani e qualcuno estero, con indicazione di tutti i parametri essenziali per volare in sicurezza. Le previsioni sono elaborate con professionalità, costanza, affidabili e specifiche per il volo libero, ma apprezzate anche da altre discipline e non solo di volo. Un vero fiore all'occhiello! L’iscrizione alla FIVL da diritto ad un creito di 100 eurosul servizio meteo, che è invece a pagamento per tutti gli altri

Rivista “Volo Libero”

Ricevo la rivista “Volo Libero”, organo della FIVL, che vanta lustri di costante pubblicazione, ogni mese, caso più unico che raro tra le riviste eite da associazioni e federazioni. “Volo Libero” mi porta a casa un vasto panorama di notizie dall’Italia e dal mondo. Resoconti di gare e manifestazioni locali, azionali ed internazionali, calendario eventi, articoli di colore, recensioni sulle località di volo e sulle attività dei club, avvisi sulla legislazione, consulenze tecniche su mezzi ed accessori, informazioni commerciali ed altro ancora, tutto corredato da splendide fotografie. Un notiziario in carta patinata al servizio di tutti ed a cui tutti possono collaborare apportando conoscenze, racconti ed informazioni. 

Sicurezza

Credo sia utile che FIVL diffonda celermente, tramite sito, rivista “Volo Libero” ed altri canali, gli avvisi di sicurezza riguardo problemi eventualmente emersi su mezzi ed attrezzature ed esegua perizie sui materiali. La relazione annuale di FIVL e le statistiche sugli incidenti ed inconvenienti di volo rappresenta il polso della sicurezza nel volo libero italiano. Pubblicate sulla nostra rivista e sul sito, vengono poi consegnate alla Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) che le incorporano nel suo annuale rapporto al parlamento. Per questo vi chiediamo di segnalare, in forma anonima, gli incidenti di volo, compilando questo modulo

C'è anche attivato un Canale Radioper la Sicurezza

Sito FIVL

Credo che il sito della FIVL, in quotidiano aggiornamento, sia il veicolo più rapido per far circolare le informazioni. Prezioso patrimonio ventennale, vive grazie alle nostre quote di tesseramento che coprono i costi materiali di mantenimento. I contenuti, invece, sono frutto di lavoro volontario, in particolare del Consiglio Direttivo e dell’ufficio stampa FIVL.

Supporto alle associazioni, agli organizzatori e ai piloti

Nel corso di questi 40 anni si sono verificate numerose situazioni di difficoltà per associazioni, organizzazioni e piloti. Quando sono state riconosciute necessità ed utilità generali, la FIVL è intervenuta per aiutare tecnicamente e/o economicamente i propri club e piloti. Quindi posso contare su una segreteria per consigli su eventuali problemi che dovessero sorgere nella pratica del volo libero. Uno staff comprendente piloti, istruttori e tecnici esperti si attiva per dare informazioni e supporto. A disposizione studi legali per le opportune consulenze

Ufficio stampa

Se organizzo o partecipo ad una manifestazione di qualunque genere, c’è chi si preoccupa di interessare i media locali e nazionali. Infatti, da 15 anni è attivo l’ufficio stampa FIVL con un imponente database di redazioni e giornalisti costruito nel corso del tempo ed ai quali invia periodicamente comunicati stampa su di noi. E’ la grancassa delle iniziative dei nostri clubed un mezzo per gratificare l’impegno dei piloti

Negli ultimi cinque anni circa 1300 tra web magazine, quotidiani, periodici, radio e TV, sia locali che nazionali, hanno pubblicato nostre notizie almeno una volta. Sono recensiti scrupolosamente nella rassegna stampa nel sito FIVL, dove sono elencati anche i quasi 200 comunicati degli ultimi sei anni.

Conclusioni

Se tutto questo non ti sembra valere 60 euro di iscrizione annua alla FIVL, non partecipare a questa realtà che in molti continuiamo a sostenere. Rimani alla finestra, oppure fingi che non esista. Ti chiediamo solo di non nasconderti dietro critiche strumentali, peggio, fasulle. Solo chi non fa nulla non sbaglia mai! Chi si impegna per una collettività ha bisogno del sostegno e della collaborazione di tutti. Gli errori si possono correggere e i risultati conseguire.

La porta della FIVLè sempre aperta... ISCRIVITI SUBITO!

Dimenticanze nelle procedure di preparazione

Negli ultimi tempi abbiamo registrato in Italia e nel mondo alcuni casi di mancato aggancio al deltaplano del pilota o del passeggero.

Come per altre dimenticanze nelle procedure di preparazione, ad esempio il mancato aggancio dei cosciali in parapendio, si tratta di problematiche di sicurezza che coinvolgono con maggiore frequenza piloti esperti.

Riteniamo opportuno sensibilizzare tutti i piloti, che siano di deltaplano o di parapendio, su quali sono i fattori che predispongono a questo tipo di errore a cui ogni pilota può essere soggetto.

 

Il fattore umano 

 

Il fattore umano è la componente principale della sicurezza nel volo libero. 

Gli errori legati al fattore umano si distinguono tra comportamenti deliberati e comportamenti non deliberati.

Gli errori di cui ci stiamo occupando rientrano in questa seconda categoria (errori non deliberati), mentre gli errori deliberati sono quelli legati a scelte esplicite del pilota che lo avvicinano una condizione di rischio.

Gli errori non deliberati si verificano invece senza una decisione esplicita del pilota e a loro volta si dividono in due macro-categorie: errori di pianificazione ed errori di esecuzione.

Gli errori di pianificazione sono quelli in cui l’errore è riconducibile ad una scelta fatta dal pilota e l’azione che avvicina alla condizione di rischio è una mera conseguenza di quella decisione. Rientrano in questa categoria gli errori di valutazione della situazione aerologica o orografica in cui il pilota esegue correttamente azioni in conseguenza di decisioni errate.

Veniamo infine agli errori di esecuzione, che sono l’oggetto di questo approfondimento.

Negli errori di esecuzione il problema è proprio nell’azione, la quale non viene eseguita come pianificato. Quindi: la pianificazione è corretta, l’esecuzione no.

In questa categoria rientrano appunto le dimenticanze, ove il pilota sa benissimo cosa occorre fare ma non lo fa.

La dimenticanza nella procedura di preparazione è quella in cui il pilota dimentica un passaggio anche fondamentale senza rendersene conto, spesso nell’assoluta convinzione di averlo eseguito.

Questa è una condizione a cui tutti siamo soggetti per via di nostri limiti del tutto fisiologici di esseri umani ma ci sono condizioni che rendono queste dimenticanze più probabili, in particolare:

  • distrazioni
  • interruzioni del processo di preparazione
  • fretta

 

Trattandosi di una condizione dovuta alla mancata esecuzione di un’operazione che il pilota sa benissimo di dover compiere e che anzi è spesso convinto di aver compiuto, non si tratta di un problema risolvibile con una maggiore preparazione. Il problema, anzi, riguarda più i piloti esperti e preparati di quelli inesperti. 

Questo problema va affrontato e mitigato con altri strumenti: soprattutto tramite una sensibilizzazione e una presa di coscienza del problema e dei suoi meccanismi, poi tramite un intervento sulle procedure e, infine, con l’adozione di dispositivi di sicurezza aggiuntivi se disponibili.

 

Elenchiamo in modo sommario quali sono gli elementi più utili a prevenire queste problematiche, li andremo ad approfondire uno per uno:

  • avere una routine di preparazione costante
  • utilizzare una checklist
  • eliminare distrazioni, interruzioni e fretta
  • un controllo indipendente delle fasi più critiche
  • dispositivi in grado di rilevare errori ed avvisare

 

 

Routine

La routine di preparazione è uno strumento estremamente efficace nella prevenzione di dimenticanze. Non è tanto importante quale sia questa routine quanto il fatto che sia costante.

La routine più adatta per ciascun pilota può dipendere da caratteristiche del suo mezzo, da caratteristiche personali e non ultimo della località di volo abituale. Ad esempio in una zona ventosa può non essere affatto indicato agganciare il passeggero al mezzo prima del pilota mentre può essere del tutto sensato farlo in una zona non ventosa.

Non è quindi necessario e neppure opportuno definire una unica sequenza di preparazione universale. E’ invece importante stabilire una propria sequenza di preparazione e mantenerla costante nel tempo, facendo particolare attenzione ogni qualvolta si sia costretti a modificarla, ad esempio trovandosi ad avere a che fare con un mezzo diverso rispetto a quello abituale o in un decollo dalle diverse caratteristiche. 

 

 

Checklist

La checklist è uno strumento ampiamente utilizzato in aviazione proprio per prevenire questo tipo di errori. La checklist dipende ovviamente dal mezzo: in aviazione ogni modello di aeromobile ha una sua checklist specifica. Nel volo libero vi sono alcuni elementi imprescindibili come il controllo dei punti di aggancio al mezzo e la corretta chiusura dell’imbrago ma non vogliamo in questa sede entrare nel merito di quale debba essere la sequenza della checklist: sappiamo tutti quali sono gli elementi da controllare in quanto vengono insegnati nel corso base. Anche in questo caso la cosa importante non è quale sia la sequenza dei controllo ma che ci sia una checklist per gli elementi più importanti e che sia costante nel tempo.

 

 

Distrazioni, interruzioni e fretta

Si tratta di elementi su cui non abbiamo sempre il controllo. Il nostro scopo deve essere quello di minimizzare questi fattori e, qualora si verifichino, prenderne coscienza. Ad ogni interruzione o distrazione dobbiamo riprendere la nostra routine dall’inizio e ripetere la nostra checklist dall’inizio. Questo ci consenti di evitare di saltare un passaggio inavvertitamente. La fretta invece è semplicemente da evitare e su questo abbiamo normalmente il controllo.

 

 

Controllo indipendente

Un controllo indipendente da parte di un terzo aggiunge un elemento di sicurezza, ma attenzione: non si può delegare ad un terzo la nostra sicurezza. Il controllo reciproco tra piloti in decollo è un elemento utile se e solo se non abbassa il nostro livello di attenzione. Ciascun pilota è sempre responsabile dell’esecuzione della propria routine e della propria checklist con lo stesso livello di attenzione ad ogni volo. E’ buona norma che tra piloti ci si faccia controlli incrociati ma ricordiamoci che non possiamo delegare agli altri questa fondamentale parte della nostra sicurezza e neppure è opportuno ipotizzare una trasmissione della responsabilità verso terzi.

 

 

Dispositivi di prevenzione

Con i dispositivi anti-dimenticanza per i cosciali si è fatto un passo avanti nella sicurezza del volo libero attraverso la collaborazione dell’analisi degli incidenti fatta da EHPU e i produttori. Sarebbe utile l’adozione di dispositivi per la prevenzione del mancato aggancio nel deltaplano e anche qui la collaborazione potrebbe farci fare passi avanti.

 

 

La gestione di queste problematiche di sicurezza

 

Riteniamo sbagliato e inutile andare a definire o addirittura normare nel dettaglio procedure di preparazione specifiche, tantomeno se questa operazione viene fatta in tempi ristretti ed è guidata dalla fretta. 

Una eventuale attività di standardizzazione delle procedure di preparazione non può che essere condotta nel contesto internazionale, analizzando i dati sugli incidenti e gli inconvenienti, raccogliendo i contribuiti dei migliori esperti internazionali di sicurezza e didattica e sottoponendo le eventuali proposte ad una analisi approfondita e collegiale al fine di concordare (eventualmente) su procedure condivise e senza controindicazioni occulte. Le tempistiche di questo lavoro non possono necessariamente essere rapide. 

Nel frattempo non si può che agire come abbiamo appena indicato, sensibilizzando e informando ma non normando comportamenti specifici e puntuali.

Normare sequenze specifiche di preparazione può inoltre avere diverse controindicazioni. Si rischia di emanare prescrizioni che in determinate condizioni possono essere controproducenti dal punto di vista della sicurezza.

Ad esempio, agganciare il passeggero al mezzo prima del pilota in un decollo ventoso o soggetto a raffiche può non essere opportuno. Normare procedure di preparazione senza una approfondita analisi dei potenziali effetti collaterali rischia di influenzare negativamente i comportamenti dei piloti o penalizzare ingiustamente in sedi legali comportamenti non conformi ad una raccomandazione emanata senza tenere conto della reale complessità del problema.

La problematica dei mancati agganci in deltaplano è oggetto di analisi in ambito internazionale. Questo lavoro, come già successo in passato con le problematiche legate alle dimenticanze di aggancio dei cosciali, verrà portato avanti con professionalità e collaborazione tra tutte le competenze disponibili, inclusi i produttori.

 

 

Rodolfo Saccani - Commissione Sicurezza FIVL

 

 

Divieto di volo sulla Dune de Pilat in Francia

Attraverso Angela Fidanza, che ringraziamo, riceviamo da Parapilat, associazione di piloti aderente alla Federazione Francese di Volo Libero, e pubblichiamo testualmente

Divieto di volo

Cari/e piloti

come probabilmente sapete, la Dune de Pilat*, le sue foreste e i suoi campeggi sono stati completamente devastati dalle fiamme qualche giorno fa,

Questo è un duro colpo per la natura, la regione, gli abitanti, gli operatori locali oltre che per i turisti.

Un'ordinanza della Prefettura vieta l'accesso alla Duna di Pilat e dintorni fino a nuovo ordine.

Tutte le attività sulla duna sono vietate, in particolare il volo libero, per ovvi motivi di sicurezza.

Oltre alla sicurezza, c'è una grande sfida per il futuro e la reintroduzione della nostra attività sulla Duna di Pilat.

Vi chiediamo di non venire a volare in questa zona quest'estate.

Se fossero notati dei parapendio mentre si esercitano (gonfiaggi o volo) ciò avrebbe conseguenze senza precedenti.

I fuochi continuano a bruciare ancora oggi, sebbene non avanzino, tuttavia non sono spenti.

Ci vorranno settimane, probabilmente mesi, per rendere questo sito accessibile al pubblico.

Dateci l’opportunità di poter difendere e valorizzare la nostra bella attività con un comportamento esemplare nei prossimi mesi rispettando i divieti in corso.

Vi terremo aggiornati su nuovi sviluppi.

Sportivamente

* La Duna di Pilat(Dune du Pilat) è la duna più alta d'Europa, situata in Francia, nel dipartimento della Gironda, in prossimità del bacino di Arcachon. Si estende su una superficie larga 500 m da ovest a est e 3 km da nord a sud, di fronte alla intersezione fra l'Oceano Atlantico e il bacino. Il comune in cui è situata è La Teste-de-Buch, vicino ad Arcachon, nel cuore delle Landes de Gascogne. L'altezza della duna, variabile nel tempo, oscilla tra i 100 e i 120 metri. Per favorirne lo sviluppo mediante un turismo ecosostenibile, fa parte del circuito del Grand Site National di Francia

Interdiction de vol

Cher(e)s pilotes,

Comme vous le savez sûrement, la Dune du Pilat,ses forêts et ses campings ont été entièrement ravagés par les flammes il y a quelques jours.

C'est un coup sévère pour la nature, la région, les habitants, les acteurs locaux ainsi que les touristes.

Un arrêté préfectoral interdit à ce jour et jusqu'à nouvel ordre tout accès à la Dune du Pilat et ses environs.

Toutes les pratiques sur la Dune y sont interdites et notamment le vol libre pour des raisons évidentes de sécurité.

Au delà de la sécurité, il y a un enjeu majeur pour le devenir et la réimplantation de notre activité sur la Dune du Pilat.

Nous vous demandons de ne pas venir voler dans ce secteur cet été.

Si des parapentes étaient observés en train de pratiquer (gonflage ou vol) cela aurait des conséquences sans précédent.

Les feux continuent à brûler à ce jour, même si ils ne progressent plus , ils ne sont pas éteints.

Cela prendra des semaines , probablement des mois pour rendre ce site de nouveau accessible au public.

Donnez nous l'opportunité de pouvoir défendre et faire valoir notre belle activité avec un comportement exemplaire dans les prochains mois en respectant les interdictions en cours  .

Nous vous tiendrons informé des nouvelles avancées.

Sportivement

Laveno Summer Cup 2021, GARA SOSPESA

Purtroppo anche questo weekend la meteo non è come vorremmo: si prevede infatti un'estesa copertura nuvolosa, con rischio pioggia superiore al 50% già nel pomeriggio e probabili temporali verso sera.
Ciò non è compatibile con l'organizzazione in sicurezza di una gara, e rende inoltre impossibile la serata conviviale che avevamo pensato.
Pertanto ci vediamo costretti a sospendere l'evento.
Se a Settembre ce ne fosse la possibilità, proveremo ad organizzare una terza data.

Andrea Parozzi - Delta Club Laveno

pagina ufficiale - Iscrizioni - evento in facebook

Procedure pre-volo deltaplano, 26 maggio 2021, riunione su piattaforma Zoom

Riceviamo e pubblichiamo il seguente e importante invito a partecipare a una riunione dedicata ai piloti di deltaplano:

“In coordinamento con AeCI, per sensibilizzare il settore sulle procedure di sicurezza allo scopo di scongiurare ulteriori gravi incidenti per mancato aggancio come quello recentemente occorso a Borso del Grappa che ha causato il decesso del pilota: *mercoledì 26 maggio ore 20,30* si terrà un incontro online su piattaforma zoom, al quale sono invitati tutti i piloti VDS/VL classe Deltaplano.

I relatori della serata saranno: Christian Ciech, Tullio Gervasoni e Ignazio Bernardi.

Tema della serata: “Procedure pre-volo Deltaplano”.

L’incontro è aperto a tutti …”

 

Dopo il clic sul link utilizzare - ID riunione: 833 9710 4514 - Passcode: 367218

 

Zona ATM03, 12 agosto 2021, Nocera Umbra (Perugia)

 

Per garantire la sicurezza di tutti e la pratica in sicurezza del volo in pendio con alianti radiocomandati, dal 12 agosto sarà attiva la nostrazona ATM03 sul monte Pennino presso Nocera Umbra (Perugia)

Dettaglio zona ATM03 a pagina 165 di questo link 

Cordiali saluti

 

Ranocchia Roberto

Presidente AAVIP (Associazione Aeromodellistica Volo In Pendio) - sito

393 316004030 – presidente.aavip (AT) gmail.com

 

 

Zona ATM03, 12 agosto 2021, Nocera Umbra (Perugia)

Per garantire la sicurezza di tutti e la pratica in sicurezza del volo in pendio con alianti radiocomandati, dal 12 agosto sarà attiva la nostrazona ATM03 sul monte Pennino presso Nocera Umbra (Perugia)

Dettaglio zona ATM03 a pagina 165 di questo link 

Cordiali saluti

 

Ranocchia Roberto

Presidente AAVIP (Associazione Aeromodellistica Volo In Pendio) - sito

393 316004030 – presidente.aavip (AT) gmail.com

 

EHPU-Logo

Membro Fondatore dell'unione Europea di Volo Libero
Co-Founder Member of European Hangliding and Paragliding Union

ASD FIVL- Associazione Nazionale Italiana Volo Libero
Il volo in deltaplano e parapendio (registro CONI n. 46578)

Via Salbertrand, 50 - 10146 Torino 
Tel. +39 011 744 991 - Fax +39 011 752 846
Email: fivl@fivl.it
P.Iva 10412570011

ORARI SEGRETERIA 8.15-12.15/13-17