Aaron racconta le sue esperienze

Si è svolto sabato scorso, 9 aprile, l'evento organizzato dal club Volomania presso il teatro di Clusone (Bergamo) con ospite speciale il famoso pilota di parapendio Aaron Durogati e già preannunciato in questo sito il mese scorso.

Un grazie agli oltre 120 presenti che hanno potuto ascoltare dalla viva voce di Aaron il racconto delle sue molte esperienze di volo che hanno spaziato dalle gare di Coppa del Mondo di parapendio, che l’ha visto due volte vittorioso, alla celeberrima Red Bull X-Alps, condotta sempre nelle prime posizioni, ma anche di fantastiche avventure sulle Dolomiti e in Patagonia.

Sono stati proiettati diversi brevi filmati, commentati poi dal campione sulla base delle domande degli amici del club e dei numerosi presenti.

Ringraziamenti a tutti coloro che si sono dati da fare per organizzare la serata e ad Aaron Durogati per essere stato con noi.

Rinaldo Frattini - Volomania – pagina facebook

Alex Ploner a Radio Number One

A questo link l’intervista che il pluridecorato campione di deltaplano Alessandro Ploner ha rilasciato a Radio Number One dopo la sua ennesima vittoria in campo internazionale.

A questo linktutti i piazzamenti dei nostri piloti di deltaplano ai mondiali e agli europei dalla nascita del volo libero ad oggi

Gustavo Vitali, u.s. FIVL

Ciao Silvio

Chi di voi non ha mai sentito parlare dei carrelli Negrizzolo con motore Wankel?

Mi è stato detto che nei primi anni ‘80 Silvio Negrizzolo acquistò uno stock di questi motori che servivano per le celle frigorifere dei camion. Lui, molto ingegnoso, riuscì a costruire questi carrelli, ci montò i Wankel, pesanti e con poca potenza, ma sufficienti a far volare una persona con una semplice ala da volo libero! Uno c'è l'ho a casa anch'io e, secondo me, sono ancora un'opera d'arte.

Grande pilota di volo libero i suoi ultimi voli li ha fatti con deltaplani ad ala rigida. Poi gli anni sono passati e ha smesso di volare, ma non ha mai abbandonato il nostro mondo eil suo amato sport, sempre circondato da persone che gli hanno voluto tanto bene.

Per anni e anni è stato l’autista del furgone del Delta Club Vicenza quando si andava in decollo, sempre presente, sorridente, e con tante cose da insegnare a tutti noi. Per ogni domanda lui aveva la risposta giusta e rassicurante!

Grazie Silvio... e cisarebbero tante, tante altre cose da dire di questo grande uomo...

Daniele Marcolini

Delta Club Vicenza

Silvio Negrizzolo ci ha lasciato, è volato più in alto di quanto fosse mai salito con le sue ali. Ha lasciato un vuoto enorme in chi lo ha conosciuto, ma queste righe sono soprattutto per quei piloti che Silvio non lo hanno mai incontrato. Perché è a lui e a persone come lui che tutti noi dobbiamo i nostri emozionanti sprazzi di libertà tra le nuvole. Un pioniere che ci ha aperto le vie dell'aria.

Ci mancherai Silvio.

Volo Libero Montegrappa

A Borso del Grappa, durante la tappa del Campionato Triveneto - deltaplano e parapendio – di domenica scorsa, Silvio Negrizzolo è stato ricordato con un lancio di palloncini

Dimenticanze nelle procedure di preparazione

Negli ultimi tempi abbiamo registrato in Italia e nel mondo alcuni casi di mancato aggancio al deltaplano del pilota o del passeggero.

Come per altre dimenticanze nelle procedure di preparazione, ad esempio il mancato aggancio dei cosciali in parapendio, si tratta di problematiche di sicurezza che coinvolgono con maggiore frequenza piloti esperti.

Riteniamo opportuno sensibilizzare tutti i piloti, che siano di deltaplano o di parapendio, su quali sono i fattori che predispongono a questo tipo di errore a cui ogni pilota può essere soggetto.

 

Il fattore umano 

 

Il fattore umano è la componente principale della sicurezza nel volo libero. 

Gli errori legati al fattore umano si distinguono tra comportamenti deliberati e comportamenti non deliberati.

Gli errori di cui ci stiamo occupando rientrano in questa seconda categoria (errori non deliberati), mentre gli errori deliberati sono quelli legati a scelte esplicite del pilota che lo avvicinano una condizione di rischio.

Gli errori non deliberati si verificano invece senza una decisione esplicita del pilota e a loro volta si dividono in due macro-categorie: errori di pianificazione ed errori di esecuzione.

Gli errori di pianificazione sono quelli in cui l’errore è riconducibile ad una scelta fatta dal pilota e l’azione che avvicina alla condizione di rischio è una mera conseguenza di quella decisione. Rientrano in questa categoria gli errori di valutazione della situazione aerologica o orografica in cui il pilota esegue correttamente azioni in conseguenza di decisioni errate.

Veniamo infine agli errori di esecuzione, che sono l’oggetto di questo approfondimento.

Negli errori di esecuzione il problema è proprio nell’azione, la quale non viene eseguita come pianificato. Quindi: la pianificazione è corretta, l’esecuzione no.

In questa categoria rientrano appunto le dimenticanze, ove il pilota sa benissimo cosa occorre fare ma non lo fa.

La dimenticanza nella procedura di preparazione è quella in cui il pilota dimentica un passaggio anche fondamentale senza rendersene conto, spesso nell’assoluta convinzione di averlo eseguito.

Questa è una condizione a cui tutti siamo soggetti per via di nostri limiti del tutto fisiologici di esseri umani ma ci sono condizioni che rendono queste dimenticanze più probabili, in particolare:

  • distrazioni
  • interruzioni del processo di preparazione
  • fretta

 

Trattandosi di una condizione dovuta alla mancata esecuzione di un’operazione che il pilota sa benissimo di dover compiere e che anzi è spesso convinto di aver compiuto, non si tratta di un problema risolvibile con una maggiore preparazione. Il problema, anzi, riguarda più i piloti esperti e preparati di quelli inesperti. 

Questo problema va affrontato e mitigato con altri strumenti: soprattutto tramite una sensibilizzazione e una presa di coscienza del problema e dei suoi meccanismi, poi tramite un intervento sulle procedure e, infine, con l’adozione di dispositivi di sicurezza aggiuntivi se disponibili.

 

Elenchiamo in modo sommario quali sono gli elementi più utili a prevenire queste problematiche, li andremo ad approfondire uno per uno:

  • avere una routine di preparazione costante
  • utilizzare una checklist
  • eliminare distrazioni, interruzioni e fretta
  • un controllo indipendente delle fasi più critiche
  • dispositivi in grado di rilevare errori ed avvisare

 

 

Routine

La routine di preparazione è uno strumento estremamente efficace nella prevenzione di dimenticanze. Non è tanto importante quale sia questa routine quanto il fatto che sia costante.

La routine più adatta per ciascun pilota può dipendere da caratteristiche del suo mezzo, da caratteristiche personali e non ultimo della località di volo abituale. Ad esempio in una zona ventosa può non essere affatto indicato agganciare il passeggero al mezzo prima del pilota mentre può essere del tutto sensato farlo in una zona non ventosa.

Non è quindi necessario e neppure opportuno definire una unica sequenza di preparazione universale. E’ invece importante stabilire una propria sequenza di preparazione e mantenerla costante nel tempo, facendo particolare attenzione ogni qualvolta si sia costretti a modificarla, ad esempio trovandosi ad avere a che fare con un mezzo diverso rispetto a quello abituale o in un decollo dalle diverse caratteristiche. 

 

 

Checklist

La checklist è uno strumento ampiamente utilizzato in aviazione proprio per prevenire questo tipo di errori. La checklist dipende ovviamente dal mezzo: in aviazione ogni modello di aeromobile ha una sua checklist specifica. Nel volo libero vi sono alcuni elementi imprescindibili come il controllo dei punti di aggancio al mezzo e la corretta chiusura dell’imbrago ma non vogliamo in questa sede entrare nel merito di quale debba essere la sequenza della checklist: sappiamo tutti quali sono gli elementi da controllare in quanto vengono insegnati nel corso base. Anche in questo caso la cosa importante non è quale sia la sequenza dei controllo ma che ci sia una checklist per gli elementi più importanti e che sia costante nel tempo.

 

 

Distrazioni, interruzioni e fretta

Si tratta di elementi su cui non abbiamo sempre il controllo. Il nostro scopo deve essere quello di minimizzare questi fattori e, qualora si verifichino, prenderne coscienza. Ad ogni interruzione o distrazione dobbiamo riprendere la nostra routine dall’inizio e ripetere la nostra checklist dall’inizio. Questo ci consenti di evitare di saltare un passaggio inavvertitamente. La fretta invece è semplicemente da evitare e su questo abbiamo normalmente il controllo.

 

 

Controllo indipendente

Un controllo indipendente da parte di un terzo aggiunge un elemento di sicurezza, ma attenzione: non si può delegare ad un terzo la nostra sicurezza. Il controllo reciproco tra piloti in decollo è un elemento utile se e solo se non abbassa il nostro livello di attenzione. Ciascun pilota è sempre responsabile dell’esecuzione della propria routine e della propria checklist con lo stesso livello di attenzione ad ogni volo. E’ buona norma che tra piloti ci si faccia controlli incrociati ma ricordiamoci che non possiamo delegare agli altri questa fondamentale parte della nostra sicurezza e neppure è opportuno ipotizzare una trasmissione della responsabilità verso terzi.

 

 

Dispositivi di prevenzione

Con i dispositivi anti-dimenticanza per i cosciali si è fatto un passo avanti nella sicurezza del volo libero attraverso la collaborazione dell’analisi degli incidenti fatta da EHPU e i produttori. Sarebbe utile l’adozione di dispositivi per la prevenzione del mancato aggancio nel deltaplano e anche qui la collaborazione potrebbe farci fare passi avanti.

 

 

La gestione di queste problematiche di sicurezza

 

Riteniamo sbagliato e inutile andare a definire o addirittura normare nel dettaglio procedure di preparazione specifiche, tantomeno se questa operazione viene fatta in tempi ristretti ed è guidata dalla fretta. 

Una eventuale attività di standardizzazione delle procedure di preparazione non può che essere condotta nel contesto internazionale, analizzando i dati sugli incidenti e gli inconvenienti, raccogliendo i contribuiti dei migliori esperti internazionali di sicurezza e didattica e sottoponendo le eventuali proposte ad una analisi approfondita e collegiale al fine di concordare (eventualmente) su procedure condivise e senza controindicazioni occulte. Le tempistiche di questo lavoro non possono necessariamente essere rapide. 

Nel frattempo non si può che agire come abbiamo appena indicato, sensibilizzando e informando ma non normando comportamenti specifici e puntuali.

Normare sequenze specifiche di preparazione può inoltre avere diverse controindicazioni. Si rischia di emanare prescrizioni che in determinate condizioni possono essere controproducenti dal punto di vista della sicurezza.

Ad esempio, agganciare il passeggero al mezzo prima del pilota in un decollo ventoso o soggetto a raffiche può non essere opportuno. Normare procedure di preparazione senza una approfondita analisi dei potenziali effetti collaterali rischia di influenzare negativamente i comportamenti dei piloti o penalizzare ingiustamente in sedi legali comportamenti non conformi ad una raccomandazione emanata senza tenere conto della reale complessità del problema.

La problematica dei mancati agganci in deltaplano è oggetto di analisi in ambito internazionale. Questo lavoro, come già successo in passato con le problematiche legate alle dimenticanze di aggancio dei cosciali, verrà portato avanti con professionalità e collaborazione tra tutte le competenze disponibili, inclusi i produttori.

 

 

Rodolfo Saccani - Commissione Sicurezza FIVL

 

 

Gara parapendio, Passo San Marco (Bergamo), 21 agosto 2021

Sabato 21 agosto parapendio protagonista di una gara in Valle Brembana, precisamente al Passo San Marco. L'evento - gara di precisione in atterraggio - è organizzato da Comune di Averara, Comune di Mezzoldo, Associazione Altobrembo in collaborazione con Unione Sportiva Mezzoldo e Italgen.

Scopo della gara - fanno sapere gli organizzatori - è centrare, atterrando, un bersaglio disegnato a terra sul piano di Valmora. Lo spettacolo è assicurato: oltre alla gara, capita raramente di vedere molti parapendii contemporaneamente in aria.

La manifestazione inizia alle ore 12,00 ma i piloti saranno già in volo dalla tarda mattinata. Il termine previsto della manifestazione è alle ore 17,00, seguiranno le premiazioni dei piloti presso il rifugio Ca' San Marco alle ore 17:45. 

Nel caso la giornata non sia adatta al volo in sicurezza, o in caso di maltempo, la gara sarà rimandata a sabato 28 agosto.

Articolo e fotografia della redazione La Voce delle Valli

 

Iscrizioni e assicurazioni 2022

Il pagamento della quota di iscrizione e assicurazione, può essere effettuata tramite:
-
bollettino postale intestato alla ASD FIVL N. 6871968

oppure

- bonifico bancario su Unicredit banca intestato ASD FIVLcon IBAN: IT 16P 02008 01122 000101160192.

Per il 2022, in accordo con Benacquista, abbiamo concordato una nuova e semplice modalità per le iscrizioni e per sottoscrivere le assicurazioni; questa potrà facilitare e ridurre il lavoro delle segreterie dei club.

IMPORTANTE:

IL LINK PER L’ATTIVAZIONE DELLE POLIZZE 2022 SARA’ ATTIVO DAL 15/12/2021. Prima di tale data, le assicurazioni attivate dal link si intendono ancora per il 2021.

Procedura A: adesione attraverso link di rinnovo (sia con firma OTP che con procedura tramite firma cartacea):per coloro chel’anno scorso hanno utilizzato il link di adesione e vogliono fare il rinnovo della polizza

Tramite la procedura di rinnovo con link, l’associato non dovrà più digitare i suoi dati, ma visualizzerà i dati inseriti l’anno precedente confermandoli o modificandoli.

I passaggi della nuova procedura sono:

  • L’associato riceve una email da Benacquista con link per rinnovo

  • Visualizza i suoi dati anagrafici  e corregge se necessario

  • L’associato sceglie la tipologia di iscrizione alla FIVL:

    - L’iscrizione tramite un’associazione di volo costa 60 euro

    - L’iscrizione senza un’associazione di volo, scrivendo sul modulo Club Nazionale costa 85 euro (opzione riservata a coloro che vivono e volano lontano da un sito gestito da un club).

  • L’associato sceglie la combinazione assicurativa.

  • L’associato sceglie eventuale voucher per lanci tandem e/o l’eventuale estensione elisoccorso fino a 10.000 €

Da qui ci sono due possibilità:

1 - Procedura con firma classica

  • L’associato stampa la modulistica e provvede a firmarla

  • Si recherà al CLUB per consegnare la modulistica e per il pagamento

  • Il CLUB scansiona la modulistica e la invia in segreteria FIVL con la copia del versamento fatto per il socio o per più soci.

  • La FIVL riceve la modulistica e provvede all’inserimento dell’assicurazione

PER I SOCI CHE SI ISCRIVONO AL CLUB NAZIONALE (COSTO ISCRIZIONE € 85): I MODULI VANNO STAMPATI, FIRMATI E INVIATI IN SEGRETERIA FIVL CON LA COPIA DEL VERSAMENTO FATTO.

2 - Procedura con firma OTP (CONSIGLIATA)

  • L’associato preme il tasto per la firma tramite OTP

  • L’associato NON DEVE STAMPARE NESSUN MODULO ma riceverà un link dove:

  • Visualizzerà tutta la modulistica di adesione

  • Riceverà un messaggio SMS con codice OTP per la firma

  • Riceverà sulla sua email tutti i documenti firmati elettronicamente

  • Si recherà al CLUB per il pagamento (può portare con sé la modulistica ma non è necessario inviarla alla FIVL)

PER I SOCI CHE SI ISCRIVONO AL CLUB NAZIONALE ((COSTO ISCRIZIONE € 85):
INVIARE IN SEGRETERIA FIVL UNA MAIL CON NOME E COGNOME, N. FIVL SPECIFICANDO CHE SI ISCRIVONO CON IL CLUB NAZIONALE, IL NUMERO DI ADESIONE DEL MODULO FIRMATO E LA COPIA DEL PAGAMENTO FATTO.

Procedura B: adesione come lo scorso anno utilizzando il link sul sito FIVL (sia con firma OTP che con procedura tramite firma cartacea)

L’adesione on line avviene tramite l’inserimento di tutti i dati: questa modalità resta disponibile per i nuovi soci e per consentire la gestione di qualsiasi difficoltà/problematica

I passaggi della procedura sono:

  • L’associato inserisce i dati tramite il link di adesione disponibile sul sito FIVL

  • L’associato sceglie la tipologia di iscrizione alla FIVL:

    - L’iscrizione tramite un’associazione di volo costa 60 euro

    - L’iscrizione senza un’associazione di volo, scrivendo sul modulo Club Nazionale costa 85 euro (opzione riservata a coloro che vivono e volano lontano da un sito gestito da un club).

  • L’associato sceglie la combinazione assicurativa.

  • L’associato sceglie eventuale voucher per lanci tandem e/o l’eventuale estensione elisoccorso fino a 10.000 €

Da qui ci sono due possibilità:

1 - Procedura con firma classica

  • L’associato stampa la modulistica e provvede a firmarla

  • Si recherà al CLUB per consegnare la modulistica e per il pagamento

  • Il CLUB scansiona la modulistica e la invia in segreteria FIVL con la copia del versamento fatto per il socio o per più soci.

  • La FIVL riceve la modulistica e pagamento dal Club e provvede all’inserimento dell’assicurazione

PER I SOCI CHE SI ISCRIVONO AL CLUB NAZIONALE (COSTO ISCRIZIONE € 85): I MODULI VANNO STAMPATI FIRMATI E INVIATI IN SEGRETERIA FIVL CON LA COPIA DEL VERSAMENTO FATTO.

2 - Procedura con firma OTP (CONSIGLIATA)

  • L’associato preme il tasto per la firma tramite OTP

  • L’associato NON DEVE STAMPARE NESSUN MODULO ma riceverà un link dove:

  • Visualizzerà tutta la modulistica di adesione

  • Riceverà un messaggio SMS con codice OTP per la firma

  • Riceverà sulla sua email tutti i documenti firmati elettronicamente

  • Si recherà al CLUB per il pagamento (può portare con sé la modulistica ma non è necessario inviarla alla FIVL)

PER I SOCI CHE SI ISCRIVONO AL CLUB NAZIONALE (COSTO ISCRIZIONE € 85):
INVIARE IN SEGRETERIA FIVL UNA MAIL CON NOME E COGNOME, N. FIVL SPECIFICANDO CHE SI ISCRIVONO CON IL CLUB NAZIONALE, IL NUMERO DI ADESIONE DEL MODULO FIRMATO E LA COPIA DEL PAGAMENTO FATTO.

RIBADIAMO CHE E’ OBBLIGATORIO specificare il nome della “ASSOCIAZIONE DI APPARTENENZA” oppure “CLUB NAZIONALE” (PER CHI SI ISCRIVE INDIVIDUALMENTE, SENZA ALCUNA ASSOCIAZIONE).

Il pagamento della quota di iscrizione e assicurazione, può essere effettuata tramite:
-
bollettino postale intestato alla ASD FIVL N. 6871968

oppure

- bonifico bancario su Unicredit banca intestato ASD FIVLcon IBAN: IT 16P 02008 01122 000101160192.

Le assicurazioni che perverranno prima del 31/12/2021, avranno decorrenza dal 31/12/2021 con scadenza il 31/12/2022. Le assicurazioni sottoscritte dopo il 31.12.2021 avranno validità dalle ore 24,00 del giorno in cui FIVL riceverà il bonifico dal club di appartenenza del pilota.

TARIFFE ASSICURATIVE
Le tariffe per le assicurazioni 
monoposto scadono tutte al31 dicembre 2022 mentre quelle bipostovalgono 12 mesi dalla data della stipula.Fa fede la data del pagamento. Chi si iscrive dal 1 giugno e dal 1 ottobre paga una tariffa ridotta (le tariffe ridotte verranno pubblicate nel corso dell'anno).

PER I PRESIDENTI E I SEGRETARI DEI CLUB

Questi sono i moduli di riepilogo da utilizzare per comunicarci gli iscritti:

scarica .pdf modulo di riepilogo per club per le assicurazioni effettuate dal 1/1/2022 al 31/5/2022 - scarica .xlsx elenco soci per iscrizioni 2022

scarica tabella premi monoposto.pdf – scarica tabella premi biposto e voucher.pdf

scarica modulo di riepilogoper club per assicurazioni PARAMOTOREscaricatabella premi paramotore.pdf

CHI SI ISCRIVE A FIVL SENZA STIPULARE ALCUNA POLIZZA ASSICURATIVA deve scaricare e compilare questo modulo.

SERVIZIO METEO

L’accesso al servizio meteo non è automatico con l’iscrizione. E’ necessario che ogni socio lo faccia autonomamente. Per poter accedere al servizio meteo occorre registrarsi sul sito FIVL aquesto link.Poi andare nella sezione METEO > consulta il servizio meteoe fare ricarica con il numero FIVL (colonna sinistra). Così si otterrà un bonus di 100 euro valido per tutto l’anno 2022. Il bonus del 2021 scade il 31/01/2022.

Cordiali saluti

Segreteria asd FIVL - per informazioni: fivl@fivl.it - +39 011 744 991

 

 

Paramotore: Pasquale Biondo campione del mondo

Bene. Ora che Volo Libero ha pubblicato la notizia in “esclusiva” e con tanto di copertina dedicata al neo campione del mondo di volo in paramotore, possiamo accodarci ai complimenti.

Si chiama Pasquale Biondo, biondo di nome e di fatto, siciliano d.o.c. di Santa Ninfa in provincia di Trapani, nato nel 1983, maneggia il parapendio dall’età di 13 anni. Laurea in ingegneria, istruttore ed esaminatore di paramotore e paracarrello, insegna a Fermo presso la scuola Aerolight Marche. Vola anche in libero.

Ha vinto sei titoli italiani di volo in paramotore, il Baltic Sea Open in Estonia, oltre a importanti piazzamenti in competizioni in Francia e altrove. Si era già classificato terzo ai mondiali del 2016 in Inghilterra. Quest’anno a Saquarema, a circa 100 km da Rio de Janeiro in Brasile, ha vinto il titolo mondiale, spodestando dal trono Alex Mateos che se lo teneva stretto da oltre otto anni.

È la prima volta che l'Italia vince questo titolo. Pasquale si è lasciato alle spalle due validi piloti francesi, Cyril Planton e Jean-Emile Oulha, rispettivamente medaglia d'argento e di bronzo.

Insieme a lui sale sul podio la Vittorazi Motors, l’azienda di Montecosaro (Macerata) che produce i propulsori per paramotore. L’azienda ha collaborato grandemente alla vittoria con il supporto del team leader Matteo Orazi, dei tecnici meccanici Andrea Orazi, Angelo Maggioni, Iulian Rotariu e del pilota Sandro Passeri.

Gustavo Vitali, u.s. FIVL

Ploner nella task 2 Europei deltaplano e l’Italia passa in testa

Dopo un percorso di oltre 118 km, è il campione del mondo Alex Ploner, su 92 volatori, a presentarsi per primo al goal nella seconda task del Campionato Europeo di deltaplano al Monte Cucco sopra Sigillo in Umbria. Ci ha impiegato 2 ore e 49 minuti alla velocità media di 41 km/h.

Dopo Alex il pilota tedesco Primoz Gricar e poi il nostro Vanni Accattoli. Segue una coppia di piloti della Repubblica Ceca, Petr Polach e Dan Vyhnalik. Sesto Grant Crossingham, Regno Unito, davanti agli azzurri Christian Ciech e Lorenzo De Grandis,

Alla luce di questi eventi, le classifiche generali individuali e a squadre dopo due task sono le seguenti:

  1. Grant Crossingham (Regno Unito)
  2. Alessandro Ploner (Italia)
  3. Dan Vyhnalik, (Repubblica Ceca)
  4. Lorenzo De Grandis (Italia)
  5. Primoz Gricar (Germania)
  6. Marco Laurenzi (Italia)
  7. Vanni Accattoli (Italia)

Italia, Repubblica Ceca, Germania

Gustavo Vitali, u.s. FIVL

Premio “Ad Ali Spiegate", 3 giugno 2022, Catania

La Fondazione Angelo D’Arrigo organizza anche quest'anno il Premio “Ad Ali Spiegate“ dedicato ad Angelo D’Arrigo, un uomo che ha lasciato un ricordo indelebile nel mondo intero per la sua capacità di coniugare, ai massimi livelli, un'intensa attività sportiva e scientifica.
Le “ali spiegate” sono quelle di Angelo D’Arrigo, che hanno sorvolato i cieli di ogni parte del mondo nelle imprese più ardite - guida di aquile e poiane, di gru e di condor - e che oggi, dopo la sua scomparsa, volano ancora più in alto, affrancate da qualunque vincolo spazio-temporale.
Ali che non si sono mai posate, ma che continuano il loro viaggio attraverso chi ha raccolto il suo prezioso messaggio di libertà e di solidarietà.
Il Premio Angelo D’Arrigoè stato ideato dalla Fondazione a lui dedicata come riconoscimento del significativo contributo reso alla società dal pluricampione, naturalista e studioso. Contributo manifestato sia attraverso l’eccellenza nel proprio campo professionale che con un trasparente esempio di civiltà, umanità e rispetto per l’ambiente.
--
Laura Mancuso
Via Delle Ginestre, 32/B
95030 - Pedara (CT)
info (AT) lauramancuso.org
laura.mancuso (AT) angelodarrigo.com
 
Premio “Ad Ali Spiegate“ dedicato ad Angelo D’Arrigo, 3 giugno 2022, Catania, Anfiteatro Le Ciminiere (nei pressi della stazione centrale), ore 19,30 - mappa

Procedure pre-volo deltaplano, 26 maggio 2021, riunione su piattaforma Zoom

Riceviamo e pubblichiamo il seguente e importante invito a partecipare a una riunione dedicata ai piloti di deltaplano:

“In coordinamento con AeCI, per sensibilizzare il settore sulle procedure di sicurezza allo scopo di scongiurare ulteriori gravi incidenti per mancato aggancio come quello recentemente occorso a Borso del Grappa che ha causato il decesso del pilota: *mercoledì 26 maggio ore 20,30* si terrà un incontro online su piattaforma zoom, al quale sono invitati tutti i piloti VDS/VL classe Deltaplano.

I relatori della serata saranno: Christian Ciech, Tullio Gervasoni e Ignazio Bernardi.

Tema della serata: “Procedure pre-volo Deltaplano”.

L’incontro è aperto a tutti …”

 

Dopo il clic sul link utilizzare - ID riunione: 833 9710 4514 - Passcode: 367218

 

EHPU-Logo

Membro Fondatore dell'unione Europea di Volo Libero
Co-Founder Member of European Hangliding and Paragliding Union

ASD FIVL- Associazione Nazionale Italiana Volo Libero
Il volo in deltaplano e parapendio (registro CONI n. 46578)

Via Salbertrand, 50 - 10146 Torino 
Tel. +39 011 744 991 - Fax +39 011 752 846
Email: fivl@fivl.it
P.Iva 10412570011

ORARI SEGRETERIA 8.15-12.15/13-17